Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Jensen, l’agente di Koeman: “Laporta voleva cacciarlo, poi ha detto che sono amici. Ipocrisia”

(Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

La panchina del Barcellona è sempre più scomoda per il tecnico olandese che da quando è approdato in Catalogna ha vissuto di tutto.

Redazione Il Posticipo

Koeman nuovamente in discussione. La panchina del Barcellona è sempre più scomoda per il tecnico olandese che da quando è approdato in Catalogna ha vissuto di tutto. Il cambio di presidenza, le difficoltà economiche, l'addio di Messi e, soprattutto, un costante senso di precarietà. L'olandese, dopo la sconfitta in Champions contro il Bayern che ha passeggiato al Campo Nou, è nuovamente sul banco degli imputati. E non è neanche la prima, né la seconda volta. Anzi, la ricostruzione pubblicata da Sport.es, sostiene che  Koeman sia stato sul punto di essere esonerato più volte, prima di essere confermato a denti stretti.

SOAP OPERA - A conferma della propria tesi, il quotidiano ha ripreso alcuni spezzono di un capitolo del documentario "Força Koeman", in onda in Olanda, che porta alla luce alcuni particolari legati al tira e molla della scorsa estate. Ed è lo stesso attuale tecnico del Barcellona a mettere in discussione il rapporto con Laporta.  Nel documentario 'Força Koeman', attualmente in onda nei Paesi Bassi, l'allenatore olandese e il suo agente, Rob Jansen, hanno rivelato i colloqui tra il presidente e l'allenatore durante lo scorso mese di giugno.

SOPPORTATO - In sintesi, l'olandese non era la scommessa principale di Laporta che si è preso del tempo per cercare, senza trovare, altri allenatori disponibili prima di confermarlo.  Koeman ha spiegato la sua versione dei fatti. "Il presidente è il presidente ed è qui per prendere decisioni. Gliel'ho detto chiaramente. Mandami via, se non mi vuoi, fallo pure, ma non lasciarmi con questa incertezza, non aspettare di trovare altri allenatori". Parole evidentemente risalenti agli incontri estivi fra i due. Una serie di conversazioni e confronti che si sono chiusi con la conferma del tecnico.

JANSEN - Nel documentario spicca la figura di  Rob Jansen, l'agente del tecnico olandese. L'agente usa termini piuttosto duri nei confronti del presidente del Barcellona: "Fare a meno di Koeman mi sembrava una decisione folle, basata solamente su alcune sue sensazioni. Fortunatamente le persone intorno a Laporta lo hanno convinto e hanno contribuito a far rimanere Koeman in panchina.  Quindi, il presidente è uscito davanti ai media dicendo che avrebbero continuato insieme, che sono amici. Questa è l'ipocrisia dello sport di alto livello".