Jadon Sancho e gli altri: quando il calcio salva la vita

Jadon Sancho e gli altri: quando il calcio salva la vita

Jadon Sancho si racconta a B/R Football. Il calcio gli ha salvato la vita. E non è il solo cui il pallone ha impedito che la vita… andasse a rotoli.

di Redazione Il Posticipo

Quartiere difficile

(Photo by Martin Rose/Bongarts/Getty Images)

Oggi si parla di un suo possibile trasferimento al Manchester United, ipotizzando cifre vicine al centinaio di milioni di euro. Parlandone come fossero caramelle. Lui, però, Jadon Sancho, ha conosciuto il degrado sociale in infanzia e lo racconta a B/R Football: “Sono cresciuto in un quartiere rude. Se rimango attaccato al calcio, potrò aiutare la mia famiglia e i miei figli in futuro. non voglio che creano lì come me. Ho visto amici andare in prigione. E quando sei coinvolto, se gli amici cominciano una rissa, devi prendere le loro parti. ma una rissa può finire in qualsiasi modo, con la morte anche. Non puoi saperlo. Lì ho capito che il calcio era la mia via d’uscita“. Il calcio gli ha salvato la vita. E non è il solo cui il pallone ha impedito che la vita… andasse a rotoli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy