Jackson Martinez fra fede, covid e calcio “Canto per Dio. La pandemia messaggio divino. Nel 2015 a un passo dal Milan”

L’ex calciatore racconta di essere stato a un passo dal Milan. E tanto altro…

di Redazione Il Posticipo

Jackson Martinez fra calcio, fede e covid. Il calciatore colombiano, in una lunga intervista rilasciata ai canali di TMW parla di tutto. Dalla voglia di continuare a calcio, sino alla profonda fede che lo spinge a comporre musica. Rap cristiano.

MESSAGGIO – Il ragazzo si è avvicinato molto alla fede negli ultimi anni. “La mia ultima canzone si chiama Escucha, ovvero ascolta.  messaggio che intendo mandare è che non valorizziamo abbastanza gli aspetti semplici e genuini della vita. Il covid-19  ci sta ricordando la realtà della morte: tutti ci arriveremo un giorno. Dobbiamo sfruttare la nostra vita nel modo più saggio possibile. Vi dirò di più: penso che la pandemia sia un messaggio di Dio all’umanità affinché si possa riflettere con maggiore attenzione su di lui, sul suo verbo e i suoi insegnamenti”.

CALCIO – Dal canto al calcio. Martinez ha ancora voglia di giocare nonostante l’infortunio. “Ogni giorno che passa però mi sento meglio, fisicamente e mentalmente. Ora sono svincolato, vediamo cosa succede. Entro il 2021 prenderò sicuramente una decisione definitiva sul prosieguo della mia carriera”. Era stato a un passo dal Milan: “Nell’estate 2015 sono stato molto vicino al trasferimento in Serie A. Venivo da tre stagioni ad alti livelli nel Porto, con cui avevo segnato quasi 100 gol Alla fine, l’ha spuntata però l’Atletico Madrid”. Solo sei mesi in Liga, poi la Cina e l’infortunio “Ho vissuto un periodo duro per la mia carriera e per la mia vita e, proprio in quel momento, mi sono dedicato alla scrittura di ciò che sentivo dentro di me”.

COLOMBIA – In Italia, giocano diversi colombiani. “Ci sono tanti talenti colombiani che portano in alto la bandiera del paese. Le loro grandi gesta con Juventus, Atalanta, Milan, Napoli e Genoa aiutano il movimento del nostro calcio ad avere sempre più attenzione e rispetto. Sono, siamo tutti felici per loro, anche in ottica Nazionale ovviamente”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy