Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Italiano: “Risultato finale troppo severo. Sono arrabbiato, non abbiamo affondato il colpo”

CROTONE, ITALY - DECEMBER 12: Head coach of Spezia Vincenzo Italiano gestures during the Serie A match between FC Crotone and Spezia Calcio at Stadio Comunale Ezio Scida on December 12, 2020 in Crotone, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Lo Spezia regge e anche bene il confronto allo Stadium, poi crolla alla distanza.

Redazione Il Posticipo

Lo Spezia regge il confronto allo Stadium, poi crolla alla distanza. L'uno - due firmato da Morata e Chiesa taglia le gambe agli ospiti che non hanno le forza né la tecnica per rientrare in partita. Tuttavia i liguri, esattamente come chiede Italiano, non rinunciano a giocarsi il match. Il tecnico analizza la sfida ai microfoni di Sky Sport.

APERTO - Una sfida comunque giocata a viso aperto. Un buon primo tempo, poi il calo. "Non siamo riusciti a essere perfetti nell'arginare. E dopo aver preso gol non siamo riusciti a rimetterci in carreggiata. Abbiamo perso dopo una grandissima prestazione. Abbiamo giocato come doveva fare una squadra che voleva mettere in difficoltà la Juventus, ma non siamo riusciti ad affondare il colpo. A parer mio il risultato finale è sin troppo severo. Sono arrabbiato perché dovevamo tenere viva la partita. Non dobbiamo andar via, dopo una prestazione del genere, con una sconfitta così rotonda. Mi resta una buona prestazione, ho visto grande spirito, abbiamo giocato parecchio nella loro metà campo e negli ultimi sedici metri. Ci sono state alcune situazioni davvero pericolose, ma dopo aver subito il doppio colpo non è facile perché rincorrere il risultato di fronte a certi campioni non è facile".

SALVEZZA - La distanza è ancora di sicurezza, manca una giornata in meno. Italiano però vede sempre lontano il traguardo. "Sono fiducioso per il proseguo del campionato, ma serve questa personalità nelle prossime tredici partite e magari sbloccarle e andare in vantaggio. Cercheremo, da qui alla fine del torneo, di essere più concreti. Sono dell'idea che la partita poteva essere gestita con la linea difensiva alta anche perché se ci abbassiamo di venti metri e siamo stanchi, finisce 8-0 per loro. Chiaramente ci sono situazioni da rivedere, non è la prima volta che prendiamo gol sul primo palo. Dovremmo sapere come comportarci, continueremo a lavorarci. Adesso la prossima in casa è contro il Benevento, una diretta concorrente, diventa una partita importante, ma non carichiamola di pressioni. Giocheremo e la interpreteremo con la solita qualità".

Potresti esserti perso