Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Italiano: “Punto importantissimo non dobbiamo perdere la testa”

CROTONE, ITALY - DECEMBER 12: Head coach of Spezia Vincenzo Italiano gestures during the Serie A match between FC Crotone and Spezia Calcio at Stadio Comunale Ezio Scida on December 12, 2020 in Crotone, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Un pareggio che sposta poco per il Verona ma vale tantissimo per lo Spezia.

Redazione Il Posticipo

Lo Spezia prima prova a complicarsi la vita. E poi rimedia agganciando il pari nel finale a Verona. Un punto che sposta poco per l'Hellas, ma perlomeno interrompe la striscia negativa. Pareggio pesantissimo invece per la squadra di Italiano che al netto di una sfida giocata in maniera poco lucida si... allunga la vita nella lotta per non retrocedere.

DETERMINAZIONE - La determinazione vista negli ultimi minuti sarebbe servita per tutti i 90'. L'importante, però, è muovere la classifica. E gestire la pressione: "Desideriamo tantissimo questa salvezza, abbiamo compiuto sforzi enormi sin adesso. Tutti sanno le difficoltà e le qualità che abbiamo. Credo sia normale, con i punti così pesanti, avere un po' d'ansia. L'importante è non farsi travolgere dalla paura, gestire la pressione senza perdere la testa. Per noi, questo punto è davvero troppo importante".

 LA SPEZIA, ITALY - FEBRUARY 13: Giulio Maggiore of Spezia Calcio celebrates after scoring a goal during the Serie A match between Spezia Calcio and AC Milan at Stadio Alberto Picco on February 13, 2021 in La Spezia, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

CAMBI - Decisivi gli interventi dalla panchina. Assist di Agudelo e gol di Saponara. Italiano ha urlato un "Noi siamo lo Spezia" che si presta a diversi significati.  "In quei momenti passano per la mente quando abbiamo perso punti importanti. A volte non riusciamo a ragionare, c'era un po' di timore. Siamo stati bravi, sono felice che chi sia subentrato sia stato decisivo. Questa squadra ha bisogno di tutti. La rosa ha qualità, sono molto soddisfatto perché per un allenatore è molto bello vedere le proprie scelte ripagate. Sono comunque i calciatori a fare la differenza".

SALVEZZA - La strada per la salvezza si allunga nuovamente. Il calendario non è semplice, ma neanche impossibile. Solo il Napoli appare davvero complicato. Contro Samp, Torino e Roma gli stimoli potranno spostare gli equilibri. "Arriviamo comunque bene, abbiamo già pareggiato contro l'Inter che è la squadra più forte d'Italia. Il fisico regge, è la testa che fa la differenza nel far viaggiare le gambe. I ragazzi sono consapevoli dell'importanza di mantenere la categoria".