Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Italiano: “A volte il bel gioco non paga, ma la strada è questa”

CESENA, ITALY - SEPTEMBER 27:  Vincenzo Italiano head coach of Spezia Calcio gestures during the Serie A match between Spezia Calcio and US Sassuolo at Dino Manuzzi Stadium on September 27, 2020 in Cesena, Italy.  (Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)

Il tecnico dello Spezia amareggiato

Redazione Il Posticipo

La Lazio vince a Cesena ma Inzaghi può essere soddisfatto solo del risultato. Buon segnale per lo Spezia che, al netto del risultato, si conferma all'altezza della categoria. I liguri hanno giocato la partita ma l'hanno persa. Italiano analizza la sfida ai microfoni di Sky Sport.

SINGOLI  - Una sfida decisa dalle giocate: "Siamo stati noi a giocare la partita e anche a concedere alla Lazio in situazioni dove eravamo pronti a non sbagliare. Sapevamo che il loro atteggiamento sarebbe stato questo, potevamo comportarci in modo diverso, abbiamo giocato partite peggiori ma non ho nulla da rimproverare ai ragazzi. Giocare bene paga meno in Serie A, ma se le prestazioni sono queste, da qui alla fine del campionato possiamo toglierci più di qualche soddisfazione. Abbiamo messo sotto una squadra che gioca in Champions".

PROSPETTIVA - Perdere con la Lazio, giocando una partita a viso aperto,  è tutto sommato sopportabile. "La strada è questa. Cercheremo di percorrerla senza lasciare che l'avversario ci punisca per poi reagire. Saremo sempre propositivi. A parte le due ripartenze che abbiamo concesso,  abbiamo giocato la partita che volevamo. Perdere così lascia un pizzico di amarezza ma anche la consapevolezza che se fossimo stati più svegli e scaltri sarebbe stata una partita diversa. Se arriviamo cinque o sei volte davanti alla porta, dobbiamo pretendere più da noi stessi. Farias deve essere più deciso e concreto. Sono felice che si trovi in quelle situazioni, se riesce a tradurle in gol per noi è un'arma in più".