Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Emerson: “Complimenti Spagna, riconosciamo la qualità dei nostri avversari”

LONDON, ENGLAND - JULY 11: Rafael Toloi and Emerson Palmieri of Italy celebrate with The Henri Delaunay Trophy following his team's victory in the UEFA Euro 2020 Championship Final between Italy and England at Wembley Stadium on July 11, 2021 in London, England. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

La Spagna pone fine all'imbattibilità azzurra.

Redazione Il Posticipo

La striscia positiva della nazionale italiana, come predetto da Luis Enrique, si interrompe a 37 contro la Spagna che pone fine a tre anni di imbattibilità azzurra. In finale di Nations andrà dunque la "roja" dopo una sfida che l'Italia è riuscita a comunque tenere in piedi una partita giocata in inferiorità numerica e contro un avversario capace di mettere in grande difficoltà gli azzurri. Fra i protagonisti del match, Emerson. Il calciatore ha parlato ai microfoni di Raisport. 

FATICA -L'espulsione ha messo la partita sui binari preferiti dalla Spagna che ha potuto giocare con il pallone e il cronometro, sfruttando palleggio e superiorità numerica. Gli azzurri sono stati forse troppo frenetici, forse è mancata la pazienza. "Dobbiamo fare i complimenti alla Spagna hanno giocato una grande partita con un calcio bello da vedere, ma sino a quando siamo stati in 11 contro 11 la squadra ha giocato bene. E ci sono state anche delle occasioni per andare in gol  ma dobbiamo riconoscere le qualità dei nostro avversari".

PROSPETTIVA - Una sconfitta che comunque non ridimensiona gli azzurri. Piuttosto esalta la qualità della Spagna. L'obiettivo della nazionale di Mancini, adesso è quello di staccare il pass per la qualificazione in Qatar. "Nel secondo tempo erano con un uomo in più, hanno saputo sfruttare la superiorità numerica, nel calcio capita anche di perdere.  Anche a noi. Ed è successo dopo 37 partite ma è accaduto contro una grande squadra. Ammiro molto il loro modo di giocare. Non conoscevo Gavi, ha giocato una grande partita, si intravede un potenziale enorme, ma come tutta la loro nazionale. Abbiamo perso, ma abbiamo comunque fatto il nostro per quello che potevamo. Adesso dobbiamo immediatamente pensare alla prossima".