Italia, bene così, ma serve vincere ancora: altrimenti i rischi sono… CR7 o Mbappé

Italia, bene così, ma serve vincere ancora: altrimenti i rischi sono… CR7 o Mbappé

La qualificazione è già in tasca con tre turni d’anticipo ma è meglio non sedersi per evitare clienti scomodissimi nel girone…

di Redazione Il Posticipo

Dopo la miopia dimostrata nella mancata qualificazione ai mondiali la FIGC ha deciso di assumere l’oculista Roberto Dottor Mancini. Ora l’Italia può tornare a sperare non solo di rivedere una competizione internazionale ma di farlo con dieci decimi. Dieci su dieci, come le vittorie che può seriamente auspicare di ottenere in questa fase di qualificazione al campionato europeo del 2020. La qualificazione è già in tasca con tre turni d’anticipo ma è meglio non sedersi. Fra l’altro con 10 vittorie su 10 possono sventare i rischi Ronaldo e Mbappé.

DA EVITARE –  Beh, è molto presto per cominciare a pensare ai possibili avversari del girone. In primis perché ci sono ancora tre partite da disputare contro Bosnia, Lichtenstein e Armenia e in secondo luogo perché per evitare Portogallo e Francia al girone bisogna aspirare a qualificarsi come teste di serie. La UEFA ha pubblicato su proprio sito le condizioni necessarie e, rimanendo fuori il concetto di ranking internazionale, sembra un po’ più semplice: “Le teste di serie verranno decise in base alle classifiche generali nei gironi di qualificazione secondo i seguenti criteri: a) Posizione finale nel girone; b) Punti; c) Differenza reti; d) Gol segnati; e) Gol segnati fuori casa; f) Numero di vittorie; g) Numero di vittorie fuori casa; h) Minor punteggio totale per sanzioni disciplinari […] i) Posizione nella classifica generale di UEFA Nations League“. Occorre dunque restare ancorati alle prime sei posizioni. Sinora, ci siamo….

VIETATO SEDERSI – Insomma, tutto è possibile. Al momento non c’è ancora la certezza aritmetica ma se Mancini trovasse altri tre successi (magari segnando molto, visto che due partite saranno fuori casa) le cose potrebbero mettersi davvero bene. Del resto i gol arrivano e la difesa subisce pochissimo. Anche la “condotta” è da dieci e lode. Non troppe ammonizioni, nessuna espulsione. Insomma, va bene festeggiare la qualificazione ma non è ancora arrivato il momento di sedersi. Anche perché storicamente l’appagamento è il peggior nemico della nazionale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy