Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Isco ha deciso, addio al Real ma non a gennaio: il calciatore ha già scelto la sua futura destinazione…

(Photo by David Ramos/Getty Images)

Poco più di due anni fa, Isco era una stella del calcio europeo. Protagonista nel Real Madrid della terza Champions League consecutiva, elemento imprescindibile per la nazionale spagnola, con un valore del. cartellino che sfiorava i cento milioni...

Redazione Il Posticipo

Poco più di due anni fa, Isco era una stella del calcio europeo. Protagonista nel Real Madrid della terza Champions League consecutiva, elemento imprescindibile per la nazionale spagnola, con un valore del. cartellino che sfiorava i cento milioni di euro. Poi, in poco tempo, è crollato tutto. A dare il via a tutto è una scelta che in teoria dovrebbe favorirlo: il Real, dopo l'addio di Zidane, decide di affidare la panchina a Lopetegui, che in quel momento sta preparando il mondiale in Russia. In Spagna è il caos, il CT viene licenziato e le Furie Rosse le gestisce Hierro, che comunque lo schiera in tutte e quattro le partite. Al ritorno al Bernabeu, è tutto pronto per il nuovo corso.

INCUBO - Che però dura assai poco. Lopetegui non convince e viene esonerato dopo una manita subita dal Barça. Arriva Solari, che lascia quasi sempre Isco in panchina. Anche l'argentino però saluta dopo l'eliminazione dalla Champions League per mano dell'Ajax e Florentino Perez...richiama Zizou. Che però non darà più del tutto fiducia allo spagnolo. Per lui nella seconda era Zidane molte presenze, ma la maggior parte sono spiccioli di partita. Il tecnico transalpino gli preferisce di gran lunga giovanissimi come Vinicius e nella stagione attuale lo ha schierato per 357 minuti, divisi in 11 presenze, solo tre delle quali da titolare. Dunque, come spiega AS, Isco ha deciso di andarsene. La notizia era nell'aria, perchè il rapporto tra il calciatore, il club e i compagni non sembra ricucibile. Dalla Spagna mormorano di una lite con Sergio Ramos, ma lo scontro con il Gran Capitan è solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

SIVIGLIA - E Isco sa già qual è la sua preferenza: il Siviglia, dove ritroverebbe Lopetegui, il tecnico che più di tutti ha saputo valorizzarlo. C'è un solo problema: la volontà di Zidane. Il tecnico del Real Madrid è di fronte a un dilemma: non si fida completamente del calciatore, ma non vuole neanche che se ne vada a gennaio. Dunque, per il bene di tutti, Isco dovrà passare altri sei mesi a Madrid, per poi ricongiungersi con il suo mentore. E tutti saranno contenti. La Casa Blanca, che riceverà tra i 15 e i 20 milioni e si sgraverà dell'ingaggio da 7 milioni del calciatore. Isco, che finirà il suo incubo. E Lopetegui, che si troverà tra le mani un calciatore che, se in forma e in fiducia, sa fare eccome la differenza...

Potresti esserti perso