Invasore….oscurato: disturbare il Liverpool ormai è una brutta abitudine

Invasore….oscurato: disturbare il Liverpool ormai è una brutta abitudine

Altra finale, altra invasione: ormai per il Liverpool è una consuetudine. Anche in finale di Supercoppa Europea una nuova invasione di campo: accade tutto al quattordicesimo minuto della finale. Gioco sospeso per qualche secondo e nessuna “visibilità” all’evento oltremanica.

di Redazione Il Posticipo

Altra finale, altra invasione: ormai per il Liverpool è una consuetudine. Anche in finale di Supercoppa Europa una nuova invasione di campo: accade tutto al quattordicesimo minuto della finale. Gioco sospeso per qualche secondo e nessuna “visibilità” all’evento. Questa immagine, però, in Inghilterra, come riporta il Mirror, non è stata trasmessa.

 

DI NUOVO – Per i reds è ormai una sorta di abitudine: tre invasioni in altrettanti mesi, addirittura due in meno di una settimana. L’invasore che ha cercato di guadagnare la metà campo per poi entrare sul rettangolo di gioco ci è anche riuscito, esibendosi in una “scivolata” alla Dorgba sull’erba. Poi è  stato prontamente fermato dalla sicurezza. Una decina di steward lo hanno prima rincorso e  poi “placcato”. Perlomeno si è evitato di assistere al bis del Wanda Metropolitano dove, come tutti ricordano, l’avvenente Kinsey Wolanski ha interrotto la finale di Champions League.

ANCHE IN PREMIER  – Il tris è completato da quanto accaduto venerdì scorso in occasione della sfida di esordio contro il Norwich: anche in quel caso un uomo ha cercato ed è riuscito ad entrare in campo attraversando di corsa il prato di Anfield con qualche difficoltà. La frequenza della corsa era indirettamente proporzionale alla resistenza dell’elastico dei pantaloni dell’invasore che si è ritrovato, dopo pochi metri, totalmente nudo alla…meta. Nessuna trovata pubblicitaria. Il tifoso del Norwich voleva semplicemente festeggiare il ritorno in Premier della sua squadra.  In ogni caso, come spiega anche il Mirror, la TV inglese non ha voluto riprendere la scena per evitare si inneschi lo spirito di emulazione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy