Inter, una Champions fra vendette e goleade

All’Inter serve una goleada col Sassuolo per ridurre la differenza reti con la Lazio in caso di approdo a pari punti. Niente di più facile e complicato…

di Redazione Il Posticipo

Champions, mission impossible? Niente è impossibile per l’Inter, capace di ribaltare qualsiasi pronostico, nel bene e nel male. E adesso la tifoseria, esaltata dopo la vittoria di Udine, si è messa in testa che sia possibile presentarsi a Roma con due risultati su tre a favore. Inondando di messaggi Walter Zenga, pregandolo di fermare la Lazio. Come se fosse sufficiente. No che non lo è. Serve anche una goleada.

CONDIZIONI – La condizione perché ciò accada è piuttosto remota. Molto, se non tutto dipende dalla Lazio che deve pareggiare o perdere a Crotone. Difficile immaginare che i biancocelesti possano scivolare allo “Scida” ma non è impensabile che, complici le assenze, le difficoltà di formazione e la disperazione dei padroni di casa la Lazio possa perlomeno rallentare. In quel caso, l’Inter dovrebbe battere il Sassuolo con almeno sei reti di scarto. Difficile, quasi impossibile. Dunque, da…Inter. Del resto vi sono alcuni motivi per credere che possa accadere.

PRECEDENTI – Una delle goleade più recenti dei nerazzurri riguarda proprio una sfida con il Sassuolo. Che per ben due volte è stato battuto con più di sei reti di scarto. La prima volta accade, una prima volta nel 2013. Gli emiliani appena promossi in serie A, incappano in una giornataccia resa amarissima. Doppietta di Milito e Palacio, poi Cambiasso, quindi Taider e un autogol. Un mezzogiorno (e mezza) da incubo per il Sassuolo che concede il…bis il 14 settembre del 2014. Neroverdi asfaltati da una tripletta di Icardi. Poi ne fa due Osvaldo. Quindi Guarin e Kovacic. Se esiste, dunque, una squadra che possa permettere il miracolo all’Inter è proprio il Sassuolo.

VENDETTA – Il Sassuolo è già salvo e non ha grandi stimoli, se non quelli di essere il più corretto possibile considerando che sarà involontariamente arbitro della Champions considerando che dovrà affrontare anche Inter e Roma. Strada spianata dunque? Neanche per sogno. A ben guardare fra i precedenti, il Sassuolo si è vendicato: quel 7-0 è stata l’ultima vittoria interna della storia nerazzurra contro i neroverdi. Cosi come Icardi ha spesso trovato terreno poco fertile. Un rigore sbagliato all’andata e feroci polemiche con la curva in occasione della sfida persa nel febbraio del 2015. E anche San Siro è divenuto tabù. Da quel 7-0 i  nerazzurri hanno sempre perso in casa: 0-1 nel 2016, 1-2 nel 2017. Fra goleade e vendette, è sempre Pazza Inter.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy