Inter di Conte e Inter del Trap: quante similitudini….

I tifosi dell’Inter con qualche capello bianco rivedono nell’Inter di Conte diverse “tracce” di quella del 1988/1989, passata alla storia come la squadra dei record. Al netto dei risultati, le somiglianze sono oggettivamente innegabili.

di Redazione Il Posticipo

DIFESA

Analizzando l’Inter dei record e quella di Conte emergono immediatamente alcune somiglianze nel pacchetto arretrato. In quella Inter giocava un marcatore durissimo da superare come Ferri, affiancato da Mandorlini, abile anche nell’impostazione del gioco. Completava il reparto Bergomi, che andava a chiudere la difesa a tre, in un anticamera del concetto di 3 e 1/2 quando Brehme solcava la fascia sinistra. Qualcosa di molto simile al trittico difensivo attuale. Skriniar, De Vrij e Godin garantiscono copertura e qualità nell’impostazione. Asamoah, anche se è lontano anni luce da Brehme, è comunque un signor esterno di fascia che in serie A ha pochi eguali.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy