Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Insulti razzisti per Marega, il calciatore del Porto lascia il terreno di gioco e attacca l’arbitro: “Spero di non vederti mai più su un campo da calcio”

Durante il match tra Vitoria Guimarães e Porto, Marega è stato bersagliato da cori razzisti da parte del pubblico e ha deciso di abbandonare il campo per protesta. E dopo la partita ha lanciato un durissimo attacco all'arbitro, reo di non...

Redazione Il Posticipo

Dal Portogallo arrivano scene che su un campo di calcio non si vorrebbero mai vedere. Durante il match tra Vitoria Guimarães e Porto, il calciatore degli ospiti Marega è stato bersagliato da cori razzisti da parte del pubblico. Un qualcosa che di recente, purtroppo, è diventato una consuetudine in alcuni stadi. Il francese naturalizzato maliano però non ci è stato e ha deciso di lasciare il campo, costringendo il suo tecnico a sostituirlo. Immagini che stanno facendo il giro del mondo e che hanno portato il calciatore a lanciare un durissimo attacco all'arbitro della partita, reo di non averlo protetto dagli insulti e di averlo anche sanzionato.

I FATTI - Tutto avviene dopo che Marega, al minuto 60, segna la rete che porta il match sul parziale di 1-2, quello con cui poi la partita terminerà. Il calciatore del Porto si becca parecchi insulti da parte dei tifosi di casa e risponde mostrando il colore della sua pelle. I buu però non accennano a terminare e quindi Marega risponde con dei gestacci rivolti verso i supporter che lo stanno attaccando. A quel punto l'arbitro lo ammonisce e il maliano non ci sta, uscendo dal campo di sua spontanea volontà e facendo sì che Sergio Conceicao, tecnico dei Dragoes, debba fare un cambio che con tutta probabilità non era esattamente previsto. Complicato, a caldo, dire se a causare la reazione di Marega siano stati più gli insulti o il comportamento dell'arbitro.

REAZIONE - Ma a fine partita tutto diventa più chiaro, perchè il calciatore fa un post su Instagram riguardo quanto è accaduto in campo. La foto è quella di Marega che fa il dito medio ai tifosi del Vitoria Guimarães, ma nelle parole del giocatore del Porto ce c'è sia per loro che, soprattutto, per il fischietto. " Vorrei solo dire agli idioti che vengono allo stadio per insultare in modo razzista ... andate a farvi f*****e. E ringrazio anche l'arbitro per non avermi difeso e per avermi ammonito perché stavo difendendo il colore della mia pelle. Spero di non incontrarti mai più su un campo di calcio! Sei una vergogna!". Parole dure, che sottolineano un caso che sta scuotendo il calcio portoghese...