calcio

Insulti, minacce di morte e…bonifici: tutti pazzi per il fantacalcio, nel bene e nel male

Si avvicina il campionato e si riparla...di fantacalcio. Normale, perchè si tratta di uno dei giochi più amati dagli italiani. E per i giocatori vale lo stesso andazzo che per i comuni mortali. Il fantacalcio o si ama...o non si sopporta.

Redazione Il Posticipo

MILAN, ITALY - JANUARY 26: Romelu Lukaku of FC Internazionale clashes with Zlatan Ibrahimovic of AC Milan during the Coppa Italia match between FC Internazionale and AC Milan at Stadio Giuseppe Meazza on January 26, 2021 in Milan, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Si avvicina il nuovo campionato e si ricomincia a parlare anche...di fantacalcio. Normale, perchè si tratta di uno dei giochi più amati dagli italiani. Difficile aspettarsi qualcosa di diverso, considerando che siamo un paese di...60 milioni di allenatori. Chissà se i tecnici della Serie A si dilettano anche loro a fare la formazione con gli amici prima che inizi la giornata di campionato... Ma comunque, diverse storie nel corso degli anni hanno confermato che per i giocatori e per gli allenatori vale lo stesso andazzo che per i comuni mortali. Il fantacalcio o si ama...o non si sopporta. E ci sono parecchi esempi di entrambe le posizioni...