Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Iniesta: “Il ritiro è ancora lontano, ma vedo il mio nome legato alla Masia”

L'illusionista non vede l'addio al calcio come qualcosa di imminente, ma ha ben chiaro un futuro legato al suo mondo.

Redazione Il Posticipo

Andrés Iniesta, il ritiro è lontano. L'illusionista ha rilasciato alcune dichiarazioni in un'intervista dalla sua quarantena in Giappone. L'autore della rete che ha deciso la finale mondiale del 2010 si sente a posto fisicamente e mentalmente e non vede l'addio al calcio, come riportato da AS, come qualcosa di imminente. Anche se ha ben chiaro un futuro legato al suo mondo, magari tornando un po' più vicino a casa...

LONTANO  - Prima o poi anche Iniesta dovrà arrendersi al tempo. Non a breve, però. "Ritengo sia un momento ancora  lontano, mi sento bene a livello di motivazione. A volte mi viene in mente di lasciate, ma ciò di cui sono certo è che vorrei continuare ad essere legato al mondo dello sport. Si tratta di quello che ho fatto nella mia vita, mi piacerebbe continuare ad essere legato al mondo del calcio". La quarantena, per certi versi, gli ha allungato la carriera. "Resto a casa seguendo le istruzioni e sperando di tornare alla routine. Ho goduto di cose e situazioni che normalmente non riesco a fare. La situazione in Giappone è abbastanza tranquilla, ma due settimane fa, il lockdown è stato piuttosto severo".

BARCELLONA - Si parla ovviamente anche del Barcellona. Iniesta è ancora nel mondo blaugrana, sebbene... da satellite. "Mantengo i contatti con i miei colleghi, con alcuni compagni mi sento anche assiduamente. È difficile seguire le partite del Barcellona, ma ho una situazione abbastanza chiara". Anche per il futuro, legato sempre a un ritorno in Catalogna. Alla Masia, che potrebbe essere sua... per sempre. Rakitic ha proposto di intitolarla a Iniesta. "Mi piacerebbe, per quello che rappresenta per me, ma siamo passati in così tanti e così importanti che non mi sembra giusto. Il mio nome sarà sempre collegato alla Masia. Se c'è un aspetto negativo a Kobe, è proprio la distanza da casa".