Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Iniesta avvisa Xavi: “Al Barça conta solo vincere. Lui lo sa, ma adesso capirà che vuol dire da allenatore…”

Credits: © AFP/Getty Images

Per parlare del Barcellona e di Xavi, difficile trovare qualcuno con più competenza di Don Andres Iniesta. Il centrocampista spiega quello che ci si aspetta dal suo ex compagno di reparto al Camp Nou e racconta come ha vissuto l'addio di Messi.

Redazione Il Posticipo

Per parlare del Barcellona e di Xavi, difficile trovare qualcuno con più competenza di Don Andres Iniesta. Lo spagnolo, che del nuovo tecnico blaugrana è stato per oltre un decennio compagno di reparto, sa benissimo qual è la situazione del club e anche quello che verrà chiesto all'allenatore. E proprio per questo, intervenendo al programma El Mat di Catalunya Ràdio, ci tiene subito ad avvisare il suo amico: non sarà un lavoro semplice, anzi. Questo non significa che per l'Illusionista l'ex regista del Barça di Guardiola non sia in grado di far emergere i catalani dal pantano in cui sono finiti. Ma in ogni caso, Xavi dovrà fare attenzione, perchè di trappole sul suo cammino ne troverà molte.

XAVI - Ma Iniesta è comunque molto contento dal punto di vista personale della scelta del club. "Ho sempre avuto un ottimo rapporto con Xavi, parliamo abbastanza e ci siamo sentiti anche in quest'ultimo periodo. Da quando si è cominciato a parlare di lui al Barça, noi ne abbiamo discusso. Sono felice perchè capisco che per lui, che ha studiato per fare l'allenatore e che ama il club come nessun altro, è come un sogno. So che si divertirà e che farà di tutto per migliorare le cose". Un sogno che però può far presto a diventare un incubo. "In qualsiasi situazione, al Barça l'unica cosa che conta è vincere. Lui già lo sa, ma adesso capirà che cosa vuol dire per un allenatore...". Insomma, bene l'accoglienza, ma non basta essere una leggenda blaugrana per non finire triturati...

MESSI - A proposito di leggende, Iniesta non può non dire la sua sull'addio di Leo Messi. E come sempre, il centrocampista usa il cervello senza farsi troppo influenzare dai sentimenti. Anche se... "Fa strano vedere Messi con addosso un'altra maglia, dopo tanti anni è uno shock. Però può succedere, come è successo. È una legge della vita, ognuno va per la sua strada, nonostante io sperassi che rimanesse. Ma da fuori è difficile dare un parere. Penso che il club abbia fatto tutto quello che poteva, non credo che nessuno al Barcellona non volesse più Messi lì. Partendo da questo presupposto, solo le parti in causa sanno quello che è successo". Ma i risultati della rottura, purtroppo anche per Xavi, si sanno eccome.