Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Inghilterra, si pensa al rientro e gli allenatori sono terrorizzati dagli infortuni: “Lasciateci fare cinque sostituzioni o sarà il caos…”

 (Photo by Francois Nel/Getty Images)

Il ritorno in campo, ammesso che avvenga in tempi brevi, comincia a far preoccupare seriamente i club. Le squadre saranno costrette, a meno di decisioni drastiche come iniziare la prossima stagione a gennaio 2021, a giocare tantissime partite in...

Redazione Il Posticipo

Il ritorno in campo, ammesso che avvenga in tempi brevi, comincia a far preoccupare seriamente i club. Più va avanti l'epidemia di coronavirus che sta mettendo in ginocchio il mondo, più le squadre saranno costrette, a meno di decisioni drastiche come iniziare la prossima stagione a gennaio 2021, a giocare tantissime partite in poco tempo. Un problema non da poco, considerando soprattutto il bene primario, la salute degli atleti. Che sono certamente giovani e forti, ma che potrebbero comunque risentire di un tour de force pazzesco, soprattutto dopo essere rimasti fermi per un paio di mesi a causa del Covid-19 e di tutte le sue conseguenze.

CINQUE CAMBI - E quindi qualcuno cerca un modo di rendere meno faticoso il ritorno in campo, proponendo cambiamenti regolamentari temporanei per aiutare i club. Il Sun spiega che molti allenatori inglesi, dalla Premier League alla League Two, stanno pensando di chiedere un aumento delle sostituzioni nel momento in cui si tornerà a giocare. Da tre a cinque, per permettere alle società di ruotare meglio i calciatori ed evitare che dopo i problemi con il coronavirus sia un'epidemia di infortuni a creare il caos, oltremanica come ovunque si decida di riprendere i tornei. Una soluzione che tra l'altro potrebbe piacere alla FIFPro, il sindacato dei calciatori, preoccupato dei possibili carichi di lavoro troppo pesanti.

CAOS - Il tabloid britannico riporta le parole di un tecnico, senza specificarne l'identità, che spiega perchè l'aumento dei cambi possibili durante una partita è, a suo modo di vedere, necessario. “Alcuni di noi ritengono che non sia possibile fare una preparazione in capo a un paio di settimane. Ci saranno tantissimi infortuni e sarà il caos. Non ci sarà modo di fare sostituzioni tattiche, i cambi serviranno tutti per far uscire dal campo i calciatori infortunati. Bisogna chiedere un cambiamento per quello che riguarda il numero di sostituzioni". Una soluzione, seppur temporanea, che potrebbe piacere a tutti. Resta però da vedere cosa ne pensano all'IFAB...