Inghilterra, quattro bambini svuotano il conto in banca dei genitori…per comprare Messi!

Inghilterra, quattro bambini svuotano il conto in banca dei genitori…per comprare Messi!

Attenzione a lasciare i bambini da soli, soprattutto con i dati della propria carta di credito registrati nel sistema di acquisto dei videogiochi. Ecco la storia di una famiglia che si è vista svuotare il conto in banca per provare a sbloccare…Messi su FIFA. E senza peraltro riuscirci!

di Redazione Il Posticipo

Attenzione a lasciare i bambini da soli. Ancor di più, attenzione a lasciarli da soli e con i dati della propria carta di credito registrati nel sistema di acquisto dei pacchetti a pagamento dei videogiochi. La storia che racconta la BBC è quella di una famiglia dell’Hampshire, che si è vista svuotare il conto in banca per provare a sbloccare…Messi.

FIFA19 – I giochi di calcio, in qualsiasi console, vanno per la maggiore. Ma da qualche anno, una volta comprato FIFA, per provare a costruire una grande squadra bisogna ‘sbloccare’ i calciatori aprendo dei pacchetti di carte virtuali; pacchetti che, se si vuole puntare in alto, bisogna comprare spendendo soldi reali. Quattro bambini, nel tentativo di ottenere Messi, hanno sfruttato la carta già registrata del padre comprando pacchetti a ripetizione. Il finale di questa storia? Ben 550 sterline spese e neanche l’ombra del campione argentino. Di conseguenza, il quartetto di scialacquatori rimarrà in punizione, senza poter toccare la console per un tempo non ancora determinato.

SCOMMESSE – “Non avrei mai pensato potessero farlo”. A parlare è il padre dei ragazzi, che si è accorto dell’accaduto una volta vista la carta declinata durante normali acquisti. “Si paga il gioco 40 sterline, che già di per sé è tanto, ed in aggiunta l’unico modo per avere una grande squadra è, essenzialmente, scommettere con soldi veri”. I calciatori che si aggiungono nella rosa tramite le bustine virtuali, infatti, vengono resi noti solamente dopo aver effettuato l’acquisto. Si compra, quindi, a scatola chiusa: una vera e propria scommessa. Arriva, comunque, una sorta di lieto fine: la Nintendo ha infatti deciso di rimborsare il tutto. Cancellando, però, dalla memoria dell’account tutti i calciatori acquistati dai bambini. Poco male per i piccoli tifosi: in fondo, dopo 550 sterline, Messi non era ancora presente in rosa. E quindi nessuno poteva portarglielo via!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy