Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Inghilterra, il segretario alla Cultura rilancia la proposta: “Premier a porte chiuse e in chiaro”

Campionato a porte chiuse ma in chiaro e visibile a tutti. La proposta arriva da Oliver Dowden, segretario alla cultura del Regno Unito che ha in mente anche alcune soluzioni per rendere sostenibile l'idea.

Redazione Il Posticipo

Premier League a porte chiuse ma in chiaro e visibile a tutti. La proposta arriva da Oliver Dowden, segretario alla cultura del Regno Unito . Il campionato inglese, come riportato dal Sun, potrebbe chiudersi in... chiaro. Una scelta dettata dalla sicurezza. Rendendo fruibile il calcio a tutti si ridurrebbero i rischi di assembramento di persone in casa di chi possiede la pay tv.

PROPOSTA - Allo status quo, considerando anche che non vi sono certezze per la ripartenza del campionato, è una ipotesi. Dowden ritiene che studierà una possibile soluzione. "Ho già intrapreso questo discorso alla Premier League nelle conversazioni con i club. Credo che non sarebbe un grande segnale per il paese se lo sport più praticato ed amato fosse a porte chiuse e senza la possibilità di essere fruito da tutti. So bene che l'economia del calcio dipende dalle entrate che derivano dagli abbonamenti e dai diritti TV, ma anche consapevole che si possono cercare modi alternativi per incrementare i guadagni aumentando l'audience. Li ho esortati a farlo ed è quello che stanno prendendo in considerazione".

RIPRESA  - Il politico ha anche precisato che non intende forzare la mano. "Credo che esistono diverse opzioni creative e penso che sia qualcosa che dovrebbero prendere in considerazione. Loro hanno detto che lo faranno e io non sarò più pressante". Al netto delle decisioni della Cultura, la ripresa passerà anche per la Salute. D'altro canto anche i responsabili della Premier insistono sul non giocare sino a che non sarà sicuro farlo e si atterranno scrupolosamente alle indicazioni del governo che non lascerà nulla d'intentato. Lo rimarca anche il segretario alla cultura. "Se facessimo funzionare la Premier League anche  porte chiuse, ciò solleverebbe enormemente la pressione su tutti gli altri club perché garantirebbe comunque la circolazione dell'economia".