Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Inghilterra, commentatore TV deve scusarsi con il City: ha chiamato lo stadio… “Emptyhad” per i posti vuoti!

Inghilterra, commentatore TV deve scusarsi con il City: ha chiamato lo stadio… “Emptyhad” per i posti vuoti! - immagine 1

Il soprannome di "Emptyhad" per lo stadio del City comincia a prendere piede. E il commentatore Jim Beglin è stato costretto a scusarsi con il City perchè durante la diretta della partita contro il Chelsea...gli è scappato il lapsus.

Redazione Il Posticipo

Riuscire in tutto e avere comunque qualcosa di cui discutere. Non è semplice la vita al Manchester City, considerando che la squadra negli ultimi anni ha vinto tutto quello che c'era da vincere in Inghilterra. E siccome (escludendo la Champions League) quello che succede sul campo è difficilmente contestabile, il terreno della contesa si sposta sugli spalti. Anzi, sulla presenza dei tifosi. Si parte da un presupposto: all'Etihad, le medie spettatori dei cugini dello United se le scordano. E non è solo un problema di capienza dell'impianto (55mila contro oltre 70mila), ma di percentuale di posti a disposizione riempiti. Anche quando si gioca la Champions, non è detto che lo stadio del City faccia segnare il tutto esaurito.

EMTPYHAD - E il soprannome che molti hanno dato l'impianto, Emptyhad", storpiandone il nome con l'aggettivo "empty", che sta per "vuoto", comincia decisamente a prendere piede. Come spiega il Sun, il commentatore Jim Beglin è stato costretto a scusarsi con il City perchè durante la diretta della partita contro il Chelsea...gli è scappato il lapsus. Al minuto 38 l'ex terzino di Liverpool e Leeds, che commentava il match per Premier League Productions, ha spiegato che al pubblico dell'Emptyhad non è andata bene una scelta dei calciatori in campo. Certo, l'affluenza contro i Blues non era esattamente bassa, 40mila spettatori, ma evidentemente i posti vuoti hanno giocato un brutto scherzo all'irlandese.

"POSTI VUOTI" - Che dunque ha dovuto chiedere scusa, come riporta il tabloid, giustificandosi di un lapsus che poi forse troppo lapsus non era. "Ho un grandissimo rispetto per il Manchester City e mi dispiace se il mio errore nel commento ha offeso qualcuno dei suoi tifosi". Che però in fondo a cose del genere sono quasi abituati. Basterebbe pensare che persino qualcuno su Google Maps si diverte alle spalle della squadra di Guardiola: inserendo la parola chiave "empty seats" (quindi "posti vuoti") nel motore di ricerca mentre si è a Manchester, viene fuori... l'Etihad! Uno sfoggio di ironia non indifferente, che di certo non farà piacere a Pep. Ma che magari vale come attenuante per Beglin...