Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Infantino ha la maggioranza, il Mondiale ogni due anni si avvicina

(Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Secondo le prime stime, la proposta ha il sostegno di 165 paesi, una maggioranza sufficiente per essere accettata .

Redazione Il Posticipo

Il Mondiale di due anni si avvicina. Secondo quanto riportato da AS, Infantino ha presentato alle sue 211 federazioni associate il piano per lo svolgimento della Coppa del Mondo che deve essere approvato o respinto all'Assemblea Generale che si terrà il prossimo marzo. E secondo le prime stime, ha il sostegno di 165 paesi, una maggioranza sufficiente per essere accettata .

ASSE - La partita si gioca sull'asse politico:  le due confederazioni più potenti, la UEFA e la CONMEBOL racchiudono l'élite del calcio mondiale, ma Europa e Sudamerica pagano un problema geografico. Sono "piccole" rispetto ad Asia, Africa e Nordamerica. Sebbene alleati i due mondi calcistici racchiudono appena 55 federazioni. Poche rispetto ai numeri in mani al presidente FIFA che al netto delle inimicizie neanche troppo celate  Ceferin e Alejandro Domínguez, ha in mano la maggioranza per generare la rivoluzione.

FORMAT - Il nuovo Mondiale biennale si giocherà con il format che sarà presentato in anteprima nell'edizione 2026, che si giocherà tra Stati Uniti, Messico e Canada. 48  squadre divise in 16 gironi da tre squadre. Qualificazioni ridotte a due finestre (marzo e ottobre) e 28 giornate dedicate esclusivamente al calcio delle nazionali. Fra l'altro Secondo due delle più importanti società di consulenza internazionali assunte dall'organizzazione, 'Nielsen' e 'Open Economics', l'impatto economico di una Coppa del Mondo sarà straordinario e avrà un impatto minimo sul calendario internazionale.

ECONOMIA  - Un mondiale ogni due anni genererebbe, secondo i calcoli un aumento di 4,4 milioni di dollari per la FIFA, nonché una crescita di 7 miliardi di dollari fra diritti TV, sponsorizzazioni e tagliandi. Il flusso di reddito sarà distribuito nel nuovo Fondo di Solidarietà. E si parla di qualcosa come 3,5 miliardi di dollari nei primi quattro anni. Anche le Federazioni si ritroverebbero con una cassa molto più capiente: ciascuna potrebbe arrivare a ricevere sino a 16 milioni di dollari per ogni ciclo quadriennale, mentre l'attuale investimento legato al FIFA Forward Program, passerebbe dagli attuali 6 milioni di dollari a 9 milioni di dollari. A livello globale, la Coppa del Mondo ogni due anni significherebbe anche un aumento di 80 miliardi di dollari del PIL  in 16 anni e circa un milione di posti di lavoro in tutto il mondo. L'ottimismo deriva dalle competizioni per club, già "testati".  I ricavi generati dalla Champions League sono aumentati costantemente di anno in anno, indipendentemente dalla sovrapposizione delle principali finali dei tornei per squadre nazionali. E probabilmente sarà questa l' "arma" per convincere i club...