Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Indiscrezione dalla Polonia: Pirlo possibile CT della nazionale

REGGIO NELL'EMILIA, ITALY - JANUARY 20: Head coach of Juventus Andrea Pirlo looks on prior to the Italian PS5 Supercup match between Juventus and SSC Napoli at Mapei Stadium - Citta' del Tricolore on January 20, 2021 in Reggio nell'Emilia, Italy. (Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

La Federazione ha pensato al Maestro per prendere il posto lasciato vacante da Paulo Sousa.

Redazione Il Posticipo

Andrea Pirlo potrebbe trovare una panchina e giocarsi anche il prossimo mondiale. Secondo quanto riportato da sport.tvp, portale polacco, l'ex allenatore della Juventus sarebbe in lizza per sostituire Paulo Sousa sulla panchina della Polonia. Secondo quanto riportato, la Federazione ha pensato al Maestro per prendere il posto lasciato vacante dall'ex commissario tecnico, che ha lasciato a sorpresa la guida della nazionale per accettare l'offerta del Flamengo è

PROPOSTA - La situazione, in Polonia, è alquanto delicata. Paulo Sousa ha lasciato la guida della nazionale ad appena tre mesi dai Play-off, in cui la Polonia si giocherà il proprio posto nella Coppa del Mondo in Qatar. Per centrare l'obiettivo qualificazione, la Federazione vuole  un allenatore dal profilo internazionale e capace di trovare, in tempi record, l'affinità giusta con lo spogliatoio per affrontare due partite di livello così competitivo. Pirlo, viste le circostanze e il fatto di non aver trovato nessun progetto tecnico allettante dopo aver lasciato la Juventus la scorsa estate sembra pronto ad accogliere con molto piacere questa sfida. E in Polonia sostengono che abbia addirittura già avuto i primi colloqui con la Federcalcio per comunicare la propria disponibilità.

 (Photo by Daniele Badolato - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

RILANCIO - Secondo quanto riportato dal portale, Pirlo è pronto a prendersi una responsabilità che gli permetterebbe anche di rilanciarsi immediatamente come allenatore. Il suo primo anno alla Juventus non è stato indimenticabile, ma, al netto delle difficoltà incontrate nella sua prima esperienza su una panchina di alto livello, ha comunque centrato la qualificazione in Champions e vinto due trofei. Non è poco anche in considerazione delle difficoltà incontrate anche da Allegri che hanno rivalutato, postumo, l'operato di un allenatore che ha comunque carisma ed esperienza sufficiente per farsi apprezzare dallo spogliatoio dove ritroverebbe, fra l'altro, Szczesny. Non occorrerà comunque molto tempo per capire se l'indiscrezione ha delle fondamenta. Tre mesi sono veramente pochi per preparare la sfida delicatissima con la Russia e la Federcalcio polacca è consapevole di dover accorciare al massimo i tempi per avere un commissario tecnico che possa accettare una sfida sì complicata ma con la prospettiva di giocarsi un Mondiale.