Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Incredibile, Menotti…tradisce Maradona: “Pelè è il migliore di sempre, non si può paragonare con nessuno”

Incredibile, Menotti…tradisce Maradona: “Pelè è il migliore di sempre, non si può paragonare con nessuno” - immagine 1
Quando si guarda al confronto tra le due leggende, in Brasile chiunque voterà per O Rei, mentre in Argentina nessuno tradirebbe il Diez. O forse no? A smentire questa teoria arriva una voce importante, quella di Luis Menotti.

Redazione Il Posticipo

Meglio Maradona o Pelè? Anche volendo escludere dall'equazione calciatori ancora in attività come Cristiano Ronaldo e Leo Messi, il dibattito su chi è stato il miglior calciatore di sempre non è di facile soluzione. I nomi del Pibe de Oro e di O Rei, però, sono quelli che spuntano con maggior frequenza. Ognuno ha la sua idea al riguardo, ma ci sono un paio di certezze quando si guarda al confronto tra le due leggende del calcio che è stato. In Brasile, chiunque voterà per il tre volte campione del mondo. E in Argentina nessuno penserebbe mai di non scegliere il Diez. O forse non è così? A smentire questa teoria arriva una voce importante, quella di Luis Menotti.

Pelè il migliore

"El Flaco", allenatore della nazionale argentina che ha vinto il Mondiale nel 1978 (e senza convocare un giovanissimo Maradona), ha infranto il tabù. In dichiarazioni raccolte da AS, una delle leggende del calcio albiceleste si schiera senza mezzi termini con il brasiliano. "Pelè è il migliore di tutti, era sovrannaturale, faceva cose impossibili. Per lui qualsiasi partita era come la finale dei mondiali, anche un allenamento era come la finale della Coppa del Mondo. Per me era un piacere stare in campo a vederlo, faceva cose che erano davvero incomprensibili. Gli piaceva mettersi in porta e non usare le mani, parava facendo rovesciate o di testa in tuffo". Abbastanza per essere considerato a un livello superiore agli altri?

I fenomeni di ogni epoca

Per Menotti decisamente sì. "Personalmente non posso paragonarlo a nessuno, perchè è davanti a tutti, assolutamente davanti. Una volta aveva un'unghia del piede incarnita e un dito rotto e ha comunque giocato 90 minuti contro il Palmeiras. Una cosa impossibile". E dopo Pelè? Gli altri, che guardano da lontano, devono accontentarsi di essere stati i migliori...durante la loro carriera. "Dopo di lui credo che ci siano stati giocatori che sono stati i migliori nella loro epoca. Cruijff, Di Stefano, Maradona, Messi... Ma Pelè supera tutte le epoche dal mio punto di vista". E chissà come la prenderanno in Argentina, sapendo che il Flaco non è d'accordo con il classico..."Maradona è megl' 'e Pelè"!