Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

In vista delle elezioni, Laporta…recluta Messi: “La vecchia dirigenza gli ha mentito, io non l’ho mai fatto e lui lo ha ammesso”

(Photo by Jan Pitman/Getty Images)

Joan Laporta, ex presidente del Barça, è uno dei precandidati a sostituire Bartomeu. Ma nonostante sia tra i favoriti, non per questo sta prendendo sotto gamba le elezioni. E dopo aver pubblicizzato la sua candidatura nel cuore di Madrid,...

Redazione Il Posticipo

Joan Laporta, ex presidente del Barça, è uno dei precandidati a sostituire Bartomeu, che lo ha sconfitto nelle elezioni 2015. A suo favore ci sono sette anni alla guida del club, in cui il Barça ha vinto due Champions League, una delle quali con un clamoroso triplete. E poi, alla sua presidenza, sono legati due momenti fondamentali della storia del club del nuovo millennio: l'arrivo in prima squadra di Leo Messi e la promozione alla guida del Barcellona di Pep Guardiola. Insomma, Laporta è chiaramente uno dei candidati forti, ma non per questo sta prendendo sotto gamba le elezioni. E dopo aver pubblicizzato la sua candidatura nel cuore di Madrid, accanto al Santiago Bernabeu, ora parla chiaro.

MESSI - Lo fa in un'intervista al DailyMail, spiegando un po' il suo programma e tornando agli ultimi anni, in cui il Barcellona, a volte, non è stato degno del suo blasone. A partire dalla querelle che ha coinvolto anche Leo Messi... "Quello che ha dato più fastidio a Leo è che gli hanno mentito. Sono abbastanza fortunato da poter dire con orgoglio che Messi una volta mi ha detto: 'Tu non mi hai mai mentito, quando m hai proposto qualcosa hai sempre mantenuto la tua parola'. La vecchia dirigenza invece lo ha reso responsabile di tutto, rimanevano tutti dietro le quinte quando Leo non avrebbe dovuto sopportare tutto questo". Normale dunque che a un certo punto la Pulce...abbia cercato di scappare.

GUARDIOLA - Ma Laporta spiega che la sua elezione potrebbe anche impedire l'addio del numero 10. "Lo riesco a vedere solo con la maglia del Barcellona e farò tutto quello che è in mio potere per far sì che continui a indossarla. E con una squadra competitiva, credo che riuscirò a convincerlo. Con Leo non è una questione di soldi, tutto quello che vuole è una squadra che sia in grado di vincere di nuovo la Champions League". Esattamente lo stesso sogno di Pep Guardiola, lanciato proprio da Laporta, che sogna di riunirsi con l'argentino all'Etihad. Il tecnico, però, nei piani di Laporta dovrà accontentarsi della stima del suo ex presidente... "Con lui ho sempre una linea aperta. È un amico, parliamo spesso e per me è il miglior allenatore del mondo. Ma conosco la sua situazione al City e non gli ho mai chiesto di tornare. Comunque gli auguro tutte le fortune". Tranne, ovviamente, quella di avere Messi in squadra!