In Qatar si portano avanti con i lavori….forzati?

A neanche un mese dalla finale di Mosca, il Qatar, consegna i primi stadi: il Khalifa è un gioiello di tecnologia, ma sorgono polemiche per come questi stadi vengono costruiti…

di Redazione Il Posticipo

In Qatar si portano avanti con il lavoro. Il Mondiale del 2022 non è esattamente vicino, ma il ricco paese mediorientale vuole stupire: e ha già consegnato, come riporta il sito infobae, il primo stadio, perfettamente agibile e… climatizzato.Un gioiello che però sembra destinato ad alimentare polemiche…

KHALIFA – Lo stadio internazionale Khalifa, è un vero e proprio gioiello tecnologico: costruito nel 1976 e riaperto nel maggio dello scorso anno è stato sottoposto a lavori di ammodernamento che hanno permesso di renderlo all’avanguardia per comodità e visibilità. È il primo stadio in assoluto che ha dei pezzi di ricambio ad hoc per garantire l’aria condizionata ai 68,030 spettatori e la possibilità di gustarsi le partite senza soffrire le temperature. È il primo degli undici stadi completati.

2016-03-31T001903Z_1789894485_SR1EC3V00UZBK_RTRMADP_3_SOCCER-WORLDCUP-QATAR-LABOUR-027-k3qD-U1505505089842F-620x349@Gazzetta-Web_articolo

POLEMICHE – Un primo stadio dalle fattezze faraoniche. E il tutto proseguirà sulla falsariga di quanto è nei progetti dell’organizzazione. Da Doha, sede dei mondiali, l’idea è di un mondiale sfarzoso, lussuoso, studiato per garantire l’esperienza più indimenticabile ai tifosi che vivranno dal vivo l’evento.   Non mancano, però, le polemiche, legate soprattutto alla costruzione stessa delle infrastrutture che richiedono un’enorme manodopera per rispettare i tempi di consegna. E per restare nei limiti, sembra, secondo diverse associazioni umanitarie, che diversi operai siano costretti a subire orari di lavoro disumani sia per la continuità di ore che per le condizione climatiche. In estate la temperatura supera i cinquanta gradi e, come riporta Lettera43, alcune organizzazioni umanitarie avrebbero denunciato metodi schiavistici. Ipotesi immediatamente smentita da Doha.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy