Il Wolfsburg cambia regolamento interno: oltre alle multe, chi sbaglia…lava!

Ok i richiami, le multe e altre tipologie di punizioni, ma nella città sede della Wolkswagen hanno pensato di tornare all’antico. Chi non rispetterà il nuovo codice di condotta del club tedesco, oltre a mettere mano al portafogli…si ritroverà costretto a qualche lavoretto extra.

di Redazione Il Posticipo

Da che mondo è mondo, chi sbaglia, paga. Ma nel caso del Wolfsburg, forse è il caso di dire che chi sbaglia…lava. Ok i richiami, le multe e altre tipologie di punizioni, ma nella città sede della Wolkswagen hanno pensato di tornare all’antico. Il nuovo codice di condotta del club tedesco prevede una serie di regole che riguardano ogni aspetto della vita dei calciatori, dalle relazioni con i compagni e con lo staff, ai comportamenti in campo, fino all’utilizzo degli ormai onnipresenti social network e telefoni cellulari. E chi sgarra, oltre a mettere mano al portafogli…si ritroverà costretto a qualche lavoretto extra.

SANZIONI…FASTIDIOSE – Bruno Labbadia, tecnico dei biancoverdi, ha infatti spiegato alla Bild che chi non si conformerà alle nuove regole subirà sanzioni fuori dalla norma. “Le multe vanno bene, ma a volte è più efficace per i giocatori lavare i piatti o sparecchiare dopo il pranzo. Oppure distribuire ai compagni le attrezzature per l’allenamento, che non è certo divertente“. Complicato dar torto all’allenatore. Del resto, a meno di multe astronomiche, una semplice sanzione pecuniaria non è certo qualcosa che può infastidire più di tanto dei calciatori milionari. O almeno, non quanto può farlo dover togliere da tavola i piatti di tutta la squadra o, peggio ancora, lavarli a mano. Il tecnico ha anche trovato il modo di responsabilizzare i suoi e di creare un clima di rispetto, più che di imposizione delle regole. La gestione delle punizioni spetterà ai calciatori, che dovranno pretendere dai compagni l’applicazione delle norme. Un invito più o meno esplicito alla rosa ad autoregolarsi e a imparare in autonomia i giusti comportamenti.

BIELSA – E le nuove regole di Labbadia seguono giusto di qualche giorno l’ultima trovata del Loco Bielsa che, per far capire ai calciatori del suo Leeds quanto chi gioca a calcio ad alti livelli sia un privilegiato, ha preteso che i giocatori passassero tre ore a ripulire il centro sportivo. Tre ore, come il tempo di lavoro che in media serve a a un tifoso per potersi permettere un biglietto per Elland Road. Un bagno di umiltà che, tra l’altro, pare aver sortito l’effetto sperato, con i Whites che sono in cima alla Championship. Ma, risultati a parte, il trend è decisamente interessante. Che più qualcuno abbia deciso di riportare gli…alieni del pallone sulla Terra? Chissà. Nel frattempo, i calciatori faranno meglio ad armarsi di scopa e spugna. Non si sa mai.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy