Il Watford è il nuovo Leicester? Sì, lo dicono…i numeri e le storie dei calciatori!

Il Watford è il nuovo Leicester? Sì, lo dicono…i numeri e le storie dei calciatori!

Gli Hornets come i Foxes? Beh, c’è più di qualche similitudine tra la squadra di Ranieri, capace di un miracolo indimenticabile, e i londinesi, che ora sognano almeno una stagione da ricordare….

di Redazione Il Posticipo

Undici vittorie, otto pareggi, diciannove sconfitte. Un campionato senza infamia e senza lode, terminato con un discreto quattordicesimo posto. Cifre che non dovrebbero far piacere a nessun tifoso, ma che per il Watford…sono l’anticamera del paradiso. Questione di cabala, perchè la stagione 2017/18 degli Hornets ricorda un po’ troppo quella 2014/15 del Leicester City. E tutti ricordano come è finita quella successiva per le Foxes. La partenza lampo della squadra di Gracia ha poi contribuito a corroborare la tesi, che ora è diventata virale sui social network. E, numeri a parte, c’è più di qualche similitudine tra la squadra di Ranieri, capace di un miracolo indimenticabile, e i londinesi, che ora sognano perlomeno una stagione da ricordare.

DEENEY – Il tweet di Jimmy Conrad, ex calciatore statunitense, da questo punto di vista è illuminante. “Deeney è Vardy. Pereyra è Mahrez. Capoue è Kanté. Foster è Schmeichel. È fatta”. In effetti, il paragone regge. Basterebbe prendere Deeney: un passato in carcere per aver picchiato uno studente in un pub, un rapporto con l’alcool non proprio semplice e tanti gol, nonostante la scorsa andata non sia esattamente andata benissimo. Ricorda qualcuno? Magari un ragazzo di Sheffield che per sei mesi ha giocato con il braccialetto elettronico? Beh, se continua così, il classe 1988 potrebbe guadagnarsi una convocazione da parte di Southgate, così come accaduto a Vardy alla soglia dei trent’anni. A sponsorizzarlo, negli scorsi anni, è stato un ex allenatore del Watford. Guarda caso, un italiano che ha allenato anche il Cagliari, proprio come Ranieri. Di lui Zola ebbe a dire “è sprecato in Championship”. Magic Box aveva ragione.

GLI ALTRI – E gli altri? Pereyra, ex Udinese e Juventus, è andato in Inghilterra, dopo aver fatto da comprimario in due scudetti bianconeri. Destro naturale che gioca a sinistra, esterno a piede invertito, proprio come Mahrez. Per lui in questa stagione tre partite e tre gol in Premier League. Potrebbe essere l’anno della consacrazione, come avvenuto al franco-algerino a Leicester? A centrocampo, per sembrare le Foxes, ci vorrebbe un inesauribile motorino francese. Bene, il Watford ha anche quello. Etienne Capouè, trent’anni, qualche presenza con la nazionale transalpina. Non avrà l’argento vivo di Kanté, ma di certo tiene su il centrocampo di Gracia che è un piacere. Per Foster, il paragone con Schmeichel è inevitabile. Arrivato giovanissimo ad un grande club (lo United), non ha mai mantenuto del tutto le promesse. E ora è a Vicarage Road in cerca di rilancio, come il figlio di Peter al King Power Stadium. Certo, l’età non gioca a favore di Foster, e dei suoi compagni, ma perchè non sognare una stagione in stile Leicester? I numeri, in fondo, qualcosa significheranno pure…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy