Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il Tottenham ricorda Ventrone nel riscaldamento: “Sempre nei nostri cuori”

Il Tottenham ricorda Ventrone nel riscaldamento: “Sempre nei nostri cuori” - immagine 1
Una semplice dedica, carica di significato.

Redazione Il Posticipo

Momento toccante a Brighton. Prima della sfida tutta italiana in panchina fra De Zerbi e Conte si è osservato un minuto in memoria di Gian Piero Ventrone, il preparatore atletico che ha lasciato questo mondo a 62 anni. I giocatori del Tottenham, per ricordarlo, sono scesi in campo con una maglia speciale durante il riscaldamento. Una semplice dedica, carica di significato. "Gian Piero sempre nei nostri cuori".

AMATISSIMO

Come riporta Football London, gli spurs erano molto legati al preparatore atletico che Conte aveva fortemente voluto nel suo staff. I giocatori del Tottenham si erano molto affezionati a Ventrone. Un sergente di ferro dal cuore d'oro. I calciatori pur soffrendo molto in allenamento avevano immediatamente percepito i benefici del lavoro. E apprezzato anche il grande interesse che Ventrone mostrava nei loro confronti. Il preparatore atletico aveva un rapporto che andava anche al di là del lavoro svolto al centro sportivo. Si interessava anche della loro vite ed era prodigo di consigli e incoraggiamento in tutte le questioni sia sportive che personali trovando sempre il modo di confortarli quando qualcosa era andato storto a casa o in campo.

Il Tottenham ricorda Ventrone nel riscaldamento: “Sempre nei nostri cuori”- immagine 2

CONTE

Visibilmente provato anche Antonio Conte e non potrebbe essere altrimenti. Lo ha avuto con sé da giocatore alla Juventus, lo ha voluto a Siena e poi a Londra per pianificare al meglio la preparazione atletica. I risultati sono stati immediatamente visibili. Il tecnico del club del North London è stato intervistato prima della sfida ed ha faticato a trattenere l'emozione ai microfoni di skysports. "Purtroppo la vita non regala sempre momenti belli. Penso che trovare le parole per Gian Piero sia molto difficile in questo momento. Siamo davvero devastati dal dolore per quello che è successo. Anche perché nessuno si aspettava una evoluzione del genere. Adesso però occorre affrontare tutto con la forza che ci avrebbe trasmesso. Ci ha sempre insegnato ad essere forti. E non lo deluderemo, facendo tesoro della sua eredità umana e professionale".