Il Times è sicuro: “Sarri esonerato non appena…”

Il Times è sicuro: “Sarri esonerato non appena…”

Dall’Inghilterra, il Times sentenzia su Maurizio Sarri. Il tecnico toscano, per mantenere salda la panchina deve soddisfare una condizione non negoziabile: l’accesso alla prossima Champions League.

di Redazione Il Posticipo

Un bravo allenatore è un bravo allenatore. Certo, poi possono cambiare molte cose. Ad esempio può accadere di cambiare squadra e ritrovarsi a gestire un gruppo che non ha le tipologie di giocatori necessarie alla realizzazione di un progetto tecnico-tattico così come lo immagina chi siede in panchina. O può scricchiolare il rapporto con i giocatori. Ovviamente, al tecnico sarà necessario del tempo per adattarsi, ma nel caso di Maurizio Sarri sono davvero in pochi i personaggi pronti a garantirglielo. Il Times, ad esempio è sicuro: “l’impiegato” verrà esonerato qualora non dovesse rispettare una condizione.

SE E SOLO SE… – Il Chelsea è una squadra blasonata come ce ne sono poche in Europa ma è pur vero che da qualche anno, almeno in Inghilterra sta trovando sempre maggiori degne avversarie per il titolo. Di allenatori ne sono stati cambiati molti e la situazione cambia sempre di poco. È per questo che per la società è imprescindibile che Maurizio Sarri garantisca ai Blues l’accesso alla prossima edizione della Champions League. Non appena il club saprà che l’obiettivo è stato fallito, ci sarà l’addio, chiosa la testata più celebre del Regno Unito. Per Sarri, di alternative per evitare il disastro ce ne sono due.

STRADE – Per accedere alla Champions League 2019/2020, Sarri potrebbe cercare di concentrarsi sul campionato, cercare di prendere più punti possibili alle dirette avversarie ma, al momento, stando al sesto posto, non sembra lo scenario più praticabile considerando il momento di forma delle squadre che il biglietto d’ingresso alla massima competizione europea del prossimo anno già se lo sentono in tasca. L’altra possibilità passa sempre dall’Europa: Sarri, potrebbe infatti decidere di concentrare le energie della squadra sull’Europa League. Vincendola, l’iscrizione al prossimo torneo sarebbe assicurata e la panchina un po’ meno traballante. Un indizio che Sarri possa aver scelto di imboccare questa strada risiede nel fatto che nella conferenza stampa del 13 febbraio, il giorno prima della sfida contro gli svedesi del Malmö, era presente anche il presidente Bruce Buck per tenerlo d’occhio. Un’altra piccola soddisfazione Sarri potrebbe togliersela conquistando la Carabao Cup per la quale dovrà disputare la finale contro il Manchester City nel prossimo week-end. Ma vincerla garantisce solamente un posto in Europa League. Non poco, ma neanche abbastanza…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy