Il tifoso più pazzo del mondo: ogni volta che perde il Marsiglia…spacca il televisore!

Il tifoso più pazzo del mondo: ogni volta che perde il Marsiglia…spacca il televisore!

Mohamed Henni, YouTuber tifoso del Marsiglia, quando la sua squadra perde non la prende benissimo: fa a pezzi un televisore dopo ogni sconfitta. E in questa stagione ne ha già distrutti sedici.

di Riccardo Stefani

Ognuno vive il tifo a modo proprio. C’è chi, dopo una vittoria beve una birra per festeggiare e per far scendere i livelli d’adrenalina accumulata e magari, dopo una sconfitta fa lo stesso per ridurre la tensione. C’è chi, poi, dopo che la sua squadra del cuore è uscita dal campo a testa bassa, urla contro i giocatori come se potessero sentirlo, chi pubblica post d’indignazione sui social, chi esce di casa e va ad aspettare i giocatori fuori dal centro sportivo per contestare. Dalla Francia, però, si apre un altro orizzonte di manifestazione “privata” di dissenso. Privata, ma pubblicata sui social. Di che si parla? Uno YouTuber, tifoso del Marsiglia, distrugge un televisore dopo ogni sconfitta della sua squadra.

REAZIONI – Si chiama Mohamed Henni e, da quello che si può immaginare, vive il tifo per la sua squadra in una maniera piuttosto… fisica. Per chi non si è mai appassionato di calcio (o lo vive in maniera più serena) è già abbastanza curioso e sorprendente vedere qualcuno dentro casa sua urlare ed inveire contro un televisore, che si fa capro espiatorio degli sfoghi nei confronti di un giocatore o di un allenatore. Figurarsi quanto possa sembrare quantomeno inusuale vedere qualcuno che se la prende con il povero monitor da un punto di vista così “fisico”. E pensare che solo in questa stagione, i televisori sacrificati alla rabbia sono stati già 16, tanti quante le sconfitte della squadra di Garcia.

TV SACRIFICALE – La parte curiosa, non per fare i conti in tasca al rottamatore di monitor, è che non si tratta di (o almeno non sembrano) vecchi televisori ripescati da una discarica. Anzi, hanno tutta l’aria di essere appena usciti dall’imballaggio. Profumano ancora di polistirolo, probabilmente. Inoltre, ad attirare milioni (MILIONI) di curiosi sul suo canale YouTube c’è anche un altro dettaglio: ogni volta, il povero apparecchio viene martoriato con uno strumento diverso. Una mazza da golf, un rastrello da giardino, una testa (la sua testa) e tanti altri aggeggi che sono stati reinterpretati come strumenti per giustiziare quella TV colpevole solo di aver trasmesso una sconfitta dell’Olympique Marsiglia. Certo, una mano sul cuore, Rudi Garcia potrebbe anche mettersela: potrebbe fare qualcosina di più per evitare delle sconfitte oppure sostenere il ragazzo nella scelta, nell’acquisto (magari condividendo la spesa) e nel trasporto dei prossimi televisori… sacrificali.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy