Il talento del City Porro sanzionato per non aver rispettato la quarantena: “Sono andato a fare spesa e mi hanno multato”

Il talento del City Porro sanzionato per non aver rispettato la quarantena: “Sono andato a fare spesa e mi hanno multato”

Pedro Porro, esterno destro spagnolo ventenne, si è beccato una bella multa dalle autorità della città di Valladolid. La sua colpa? Essersi fatto beccare in macchina, in tempi di quarantena e autoisolamento, a oltre dieci chilometri da casa sua.

di Redazione Il Posticipo

Le regole sono regole e in momenti come questo, in cui c’è bisogno dell’aiuto di tutti per uscire da una situazione complicata, vanno rispettate ancora più del solito. E poco importa se nella vita sei una stellina del Manchester City, che la società inglese ha deciso di mandare in prestito al Valladolid di Ronaldo il Fenomeno. Ecco perchè, come riporta il Sun, Pedro Porro, esterno destro spagnolo ventenne, si è beccato una bella multa dalle autorità della cittadina castigliana. La sua colpa? Essersi fatto beccare in macchina, in tempi di quarantena e autoisolamento, a oltre dieci chilometri da casa sua.

SFOGO – Lo spagnolo ha dato la sua versione dei fatti in un post su Twitter, spiegando di avere anche discusso con gli agenti: “Sono andato a fare la spesa e sono stato multato per essere andato al centro di Valladolid. Io vivo in una piccola cittadina, è giusto multarmi se non faccio quello che dice il governo, ma non bisogna esagerare. Sono solo andato a comprare qualcosa e sono stato multato. E poi sono arrabbiato a causa di chi ti parla e ti tratta con poco rispetto. Ho detto soltanto che nessuno deve sentirsi superiore a qualcun altro. Si può parlare a qualcuno in maniera rispettosa. Ma certe persone non sanno neanche che significa…”.

SCUSE – Poi, però, sono arrivate le scuse in un altro post, in cui c’è anche un altro particolare che spiega il perchè gli agenti lo hanno guardato con tanto sospetto. “Il fatto che sui miei documenti ci sia il mio paese di nascita come residenza, non ha aiutato. E gli agenti non capivano cosa ci facessi a Valladolid”. Considerando che il terzino del City è della regione dell’Extremadura, quasi al confine con il Portogallo, comprensibile lo stupore della polizia locale. Comunque, le scuse sono state accettate e tutto è bene quel che finisce bene. Anche se forse ora Porro la spesa la farà facendosi portare a casa il necessario…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy