Il Superclasico si avvicina e il Boca colpisce basso: il River su Twitter…diventa RiBer

River o…Riber? La domanda serve a risolvere qualsiasi dubbio sull’affiliazione nel Superclasico. Ma stavolta il profilo Twitter del Boca ha esagerato, rendendo…ufficiale il soprannome dispregiativo degli avversari…

di Redazione Il Posticipo

Alla domanda “come si chiama il club calcistico di Buenos Aires che gioca al Monumental?”, ci sono due sole risposte possibili. La prima è “River”, o meglio ancora “River Plate” ed è quella che la stragrande maggioranza dei tifosi al mondo darebbe al quesito iniziale. L’altra è molto simile, ma non del tutto identica. Per i tifosi del Boca, da quelle parti gioca il…RiBer. Sì, con la B, perchè nel 2011 i Millonarios hanno avuto la sfortuna di retrocedere in seconda divisione, cosa mai accaduta (almeno secondo le fonti ufficiali…) agli Xeneizes da quando hanno raggiunto la Primera nel 1913. E quindi il club biancorosso si è beccato questo soprannome, che ovviamente dà molto fastidio ai suoi tifosi.

RIBER – E forse proprio per questo che, come riporta Olè, l’account ufficiale Twitter del Boca Juniors, a quattro giorni dal Super Superclasico che assegnerà la Libertadores, ha infranto l’ultimo tabù. In un video di un minuto, infarcito di reti realizzate dagli Xeneizes nel derby, c’è un particolare che non è sfuggito a nessuno. Una frase di Riquelme sul Superclasico viene infatti sottotitolata in maniera imprevista: “Si nos toca jugar contra RiBer…”. Sì, proprio con la B. Ed è davvero complicato pensare a un errore di ortografia. Del resto, volendo ragionarci su, è esattamente come un vero tifoso del Boca chiamerebbe gli acerrimi rivali. Ma detto, anzi, scritto dalla voce ufficiale della società, forse, è un’esagerazione. Gallinas e Bosteros sì, RiBer proprio no.

FIGURACCIA – Naturalmente, l’Argentina si è divisa in due, proprio come farà sabato all’ora della finale. C’è chi si è fatto una sana risata e chi si è indignato, non ritenendo opportuno che la società scenda a un livello di…tifo da stadio. Eppure il Tweet, pubblicato circa un giorno fa, è ancora lì, causando risposte più o meno piccate e (quel che conta di più a livello di marketing) parecchie visualizzazioni. E chissà, il social media manager del Boca forse si sarà lasciato ispirare dall’ormai celebre figuraccia del sito del Manchester United, che prendendo spunto dal soprannome dispregiativo della Vecchia Signora, definiva la Juventus “Rubentus” nella descrizione precedente al match di Champions. Se questo stile dovesse prendere piede, facile immaginare guerre di Tweet tra i profili delle nostre squadre. Del resto, di nomignoli con connotazione negativa la Serie A è decisamente piena.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy