Il…sospiro di sollievo di Sir Alex: “Visto il Liverpool di queste ultime stagioni, grazie al cielo mi sono ritirato prima!”

Sir Alex Ferguson è arrivato a Old Trafford nel momento di massimo splendore del Liverpool, ma ha saputo ribaltare la situazione, considerando che dal 1986 i Reds hanno vinto tre volte il campionato e lo United…tredici. Ma allo scozzese non è mai mancato il rispetto per l’altra grandissima del pallone di Sua Maestà.

di Redazione Il Posticipo

Se si parla di calcio inglese, si parla di Liverpool e Manchester United. Se non altro perchè Reds e Red Devils sono i due club più vincenti della storia del campionato di Sua Maestà, oltre ad aver portato a casa in totale nove Champions League. I cicli delle due squadre si sono succeduti con una certa regolarità a partire dagli anni Sessanta e spesso è accaduto che il match potesse significare la supremazia stagionale. Sir Alex Ferguson è arrivato a Old Trafford nel momento di massimo splendore del Liverpool, ma ha saputo ribaltare la situazione, considerando che dal 1986 i Reds hanno vinto tre volte il campionato e lo United…tredici. Ma, come riporta Goal, allo scozzese non è mai mancato il rispetto per l’altra grandissima del pallone di Sua Maestà.

LIVERPOOL – E dirlo prima del match clou ad Anfield dimostra l’onestà di Sir Alex… “Ho sempre considerato la partita tra Manchester United e Liverpool la partita più importante della stagione. E il perchè è semplice: parliamo delle due squadre inglesi di maggior successo di sempre, se si mettono assieme tutti i trofei che hanno vinto. Ovviamente, se vuoi vincere qualcosa devi battere il Liverpool. È come quando ero all’Aberdeen, in Scozia per vincere devi battere Rangers e Celtic, diventa quasi un’attitudine mentale. Il successo del Liverpool negli anni Settanta e Ottanta è stato fenomenale e per costruire qualcosa del genere ho dovuto prendere una strada tortuosa, ricostruendo lo United dalle fondamenta. E alla fine, ci è andata benissimo”. Ma chi avrebbe vinto tra lo United di Fergie e il Liverpool di Klopp? Difficile a dirsi, visto che lo scozzese tira quasi…un sospiro di sollievo nel sapere di non dover affrontare questi Reds. “Ora mi sono ritirato e direi grazie al cielo, viste le performance stellari del Liverpool nelle ultime stagioni. Ho un grandissimo rispetto per loro, da sempre”.

(Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

HENDERSON – Così come ce l’ha per il capitano del Liverpool, Jordan Henderson. Uno che poteva finire allo United, ma che è stato scartato per problemi posturali. “Noi volevamo comprarlo, stavamo per fare un’offerta per lui al Sunderland e avevo già parlato con Steve Bruce. Il nostro dipartimento medico e gli scout però non erano troppo convinti del modo in cui correva, dicevano che poteva essere un calciatore propenso agli infortuni. E la mia priorità era comprare giocatori che sarebbero stati disponibili per scendere in campo il più possibile. Ma apprezzavamo Jordan come calciatore, ha dimostrato le sue qualità in campo. E le storie che mi raccontano di lui mi suggeriscono che mi sono perso anche una persona splendida, oltre che un gran giocatore”. Detto da uno dei migliori tecnici di sempre, qualcosa dovrà anche significare…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy