Il sindaco di Parigi “bacchetta” Neymar: “Ora testa bassa e… portaci la Champions League”

Il sindaco di Parigi “bacchetta” Neymar: “Ora testa bassa e… portaci la Champions League”

La prima cittadina Anne Hidalgo, dà una stoccata a Neymar: “Per te abbiamo colorato la Tour Eiffel, ora…”. E oltre a una richiesta più che giustificabile, arriva l’appello speranzoso.

di Redazione Il Posticipo

Una squadra non investe tanti soldi sul mercato per caso: a maggior ragione se si chiama Paris Saint-Germain e se l’investimento si chiama Neymar. L’obiettivo è e resta vincere la Champions ma negli ultimi anni il PSG non c’è andato nemmeno vicino. Ora, sono tutti stufi. Specie dopo la telenovela che sul ritorno di O’Ney a Barcellona, Una storia che ha stancato anche… il sindaco di Parigi.

COMPRENSIBILE – La prima cittadina della capitale transalpina si è lasciata un po’ andare sul tema Neymar e ha voluto lanciargli un monito di… ben-ritrovato in un’intervista a Télé Loisirs: “Abbiamo colorato la Tour Eiffel in rosso e blu, i colori di Parigi e i colori del PSG. Ora, ragazzo, ti amiamo così tanto, ma dovrai spaccare tutto e vincere la Champions League”. Insomma, l’ironia c’è ma… nemmeno troppa: qualsiasi tifoso e cittadino parigino pretende molto dopo che il simbolo della città è stato colorato di rosso e blu con tanto di affissione del nome del brasiliano. Ed è anche comprensibile.

PIEDI PER TERRA – Il sindaco, alterna bastone e carota: spera che il ragazzo possa tornare con testa e cuore al 100% a Parigi. “Deve tornare un po’ con i piedi per terra e aiutare la squadra. Indubbiamente ci saranno un po’ di complicazioni con i fan, ma se dà quello che Neymar può dare, penso che tutto sarà perdonato”. Sabato, al Parc des Princes, Neymar è quotato come probabile titolare. Titolare nello stesso club che avrebbe fatto qualsiasi cosa pur di lasciare. In ogni caso, al momento, pare che la sua partenza sia soltanto stata posticipata. Nel frattempo… che pensi al PSG.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy