calcio

Il segreto del Real? Un “sergente” che arriva da Torino…

Il Real è tornato competitivo e, soprattutto, corre sino al 90'. Merito del ritorno di Pintus, fortemente voluto a Zidane nel 2016 e reclamato dai calciatori...

Redazione Il Posticipo

Il Real Madrid è tornato a volare. Quale è il motivo, oltre all’avvicendamento tecnico? AS ha pochi dubbi. Il quotidiano spagnolo, molto vicino storicamente alle vicende del Real, ha carpito il segreto dell’evidente miglioramento deli blancos nelle ultime settimane, soprattutto a livello fisico. Il segreto arriva da Torino...

PINTUS – Antonio Pintus, definito il "sergente" per i suoi metodi, viene da Torino ed è un fattore discriminante importantissimo nell’economia delle vittorie recenti del club. Il preparatore italiano, arrivato nella capitale spagnola nel 2016, ha contribuito alle vittorie firmate Zizou ed ha ritrovato spazio e considerazione dopo l’allontanamento di Lopetegui. I giocatori, del resto, lo hanno sempre supportato (Marcelo in testa, che gli ha dedicato persino un gol) e alla fine hanno ottenuto i risultati sperati.

VOLARE – I senatori non hanno mai perso fiducia nelle qualità dell’esperto piemontese e sembra che agli inizi dell’anno abbiano convinto il resto della squadra ad affidarsi nuovamente alle cure sapienti di Pintus. E i risultati non sono mancati. Il Real è molto più tonico e non arriva con la lingua a penzoloni al 90’. Quello che invece accadeva con Oscar Caro, individuato come uno dei principali responsabili della gestione fallimentare firmata Lopetegui è finito rapidamente nel dimenticatoio. Lui e la sua preparazione, mal digerita dallo spogliatoio.

NUMERI- Le cifre, fra l’altro, parlano da sole: la gestione Pintus ha dato immediatamente i primi frutti. Il Real Madrid, da agosto in poi, quando è andato in svantaggio non ha mai trovato la forza di ribaltare la partita. Negli ultimi tempi, invece, si registrano vittorie in rimonta contro Girona, Betis (Ceballos all’88’) e nel finale contro il Siviglia. Tre indizi che fanno una prova, specialmente l’ultimo, quando, contro gli andalusi, i tricampioni d’Europa si sono imposti nei minuti finali sbloccando la partita negli ultimi 12’ di gioco.