Il San Paolo nei guai…per colpa di Dani Alves: “Non lo paga solo il club”, ma i soldi non ci sono

Il San Paolo nei guai…per colpa di Dani Alves: “Non lo paga solo il club”, ma i soldi non ci sono

Il ritorno di Dani Alves in Brasile con la maglia del San Paolo è l’archetipo della storia a lieto fine. Ma non è tutto rose e fiori. La qualità si paga e Dani Alves ha chiesto al San Paolo 4 milioni di euro, il più ricco stipendio di tutto il Sudamerica. E chi lo paga? Tra teoria e realtà c’è un abisso…

di Redazione Il Posticipo

Il ritorno di Dani Alves in Brasile con la maglia del San Paolo è l’archetipo della storia a lieto fine. Il grande campione che, dopo aver lasciato da giovanissimo la sua patria e dopo aver vinto tutto in Europa, decide di ripartire da dove tutto è cominciato. Punti bonus sia perchè il verdeoro è il calciatore più vincente di sempre che perchè ha anche scelto il club che tifava sin da bambino. Ma non è tutto rose e fiori, come racconta AS. La qualità si paga e Dani Alves, pur avendo 36 anni, ha chiesto al San Paolo un bello stipendio da 4 milioni di euro, il più ricco di tutto il Sudamerica.

SPIEGAZIONI – E ora il club paulista…deve spiegare ai suoi giocatori dove prende quei soldi. Lo racconta in un’intervista a Valor Investe il direttore sportivo del San Paolo, quel Raì che è anche stato campione del mondo con la Seleçao. L’arrivo di Dani Alves ha creato parecchio entusiasmo, ma anche più di qualche interrogativo nella rosa della squadra, con i compagni di squadra che si sono chiesti come faccia la società a peremttersi uno stipendio simile e se questo avrebbe avuto conseguenze in negativo sui propri contratti. Al punto da costringere Raì a spiegare per filo e per segno chi contribuisce a pagare Dani Alves e in che percentuale.

E GLI SPONSOR? – “Sí, siamo stati costretti a parlare con i calciatori. Tutti hanno accettato e compreso la situazione, perchè gli abbiamo spiegato che non sarà solo il club a pagarlo”. E infatti, spiega AS, il San Paolo paga attualmente solo un terzo dello stipendio di Dani Alves. Il resto doveva essere a carico degli sponsor, così come i diritti di immagine del calciatore. Il problema è che questi sponsor…non si trovano. Il club pensava che l’arrivo di Dani Alves sarebbe stato un incentivo al riguardo, ma alla fine gli introiti sono stati molti meno di quanto previsto. E se non arriva qualche novità a breve, a pagare i 4 milioni per intero sarà proprio il San Paolo. Con ripercussioni economiche importanti, il che non farà certo piacere agli altri calciatori in rosa…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy