Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il sacco della Masia: le big inglesi a caccia di terzini nelle giovanili del Barcellona

Secondo molti tifosi e addetti ai lavori, il club blaugrana sta perdendo la sua identità e le due big di Manchester sembrano volerne approfittare. E il caos Barçagate non aiuta.

Redazione Il Posticipo

Che in Spagna stia regnando il caos non c'è dubbio. La pandemia da coronavirus sta colpendo davvero duramente il regno iberico. E nei momenti di difficoltà, molte persone andavano a piangere sulla spalla dell'amico calcio, autentico orgoglio e consolatore nazionale per via del prestigio a cui è asceso nel corso dei decenni. In questo momento, però, lo stop del campionato non aiuta e, anzi, il Barcellona in particolare vive una situazione che definire caotica è un eufemismo. Secondo molti, il club sta perdendo la sua identità e le due big di Manchester sembrano volerne approfittare. E il caos Barçagate non aiuta.

TERZINI - Il Barça, da che ha formato una sua identità ben definita, ha sempre investito davvero molto sul proprio settore giovanile ma da qualche tempo viene contestato da tifosi e addetti ai lavori l'eccessivo acquisto di giovani per la prima squadra che vanno a togliere spazio ai canterani. Così, i giovani catalani preferiscono generalmente partire. E se, il "nuovo Jordi Alba", Juan Larios è al centro di una disputa con il Manchester City, qualcun altro sta cercando di portarsi a casa anche il suo dirimpettaio di fascia destra, Marc Jurado.

E ANCORA - Un altro terzino, un'altra Manchester. Il ragazzo ha attirato parecchie attenzioni con le sue prestazioni ma, secondo Sport, il Barça sarebbe ancora fiducioso di trattenerlo.  E poi c'è l'Everton di Carlo Ancelotti che vuole prendere con sé Gerard Gonzalez, altro terzino sinistro molto apprezzato che si è messo in mostra con la maglia dell'under-16 spagnola.

NON È FINITA - E il sacco della Masia non è l'unico problema del Barça. La perdita dell'identità legata alle accuse di trascurare il settore giovanile sono solo la punta dell'iceberg nella richiesta di dimissioni di Bartomeu. Il presidente azulgrana è praticamente sotto assedio: 6 "socios" si sono dimessi chiedendo elezioni anticipate e la gestione dell'emergenza covid-19 ha portato al problema legato ai tagli degli stipendi. La radio cadena SER sta indagando e parla addirittura di Barçagate nella quale stanno volando paroloni come corruzione e si starebbe mettendo in azione una macchina del fango verso personaggi come Messi e Piqué oltre che dei 6 membri del consiglio dimessisi.