Il rosso più incredibile dell’anno: calciatore croato espulso… per aver ucciso una gallina!

Il rosso più incredibile dell’anno: calciatore croato espulso… per aver ucciso una gallina!

“Condotta antisportiva”. Uno dei motivi, regolamento alla mano, per cui si può essere sanzionati. Ma cosa comporta? Beh, parecchie cose. Tra cui… colpire un animale sul terreno di gioco. E a un calciatore semiprofessionista croato è capitato proprio questo!

di Redazione Il Posticipo

“Condotta antisportiva”. Uno dei motivi, regolamento alla mano, per cui si può essere sanzionati. Ma cosa comporta? Beh, parecchie cose. “Ogni altra situazione descritta nelle altre Regole del Gioco o che sia in chiaro contrasto con lo spirito del gioco, pur non essendo apertamente codificata”. Come per esempio…colpire un animale sul terreno di gioco. Eh già, perchè come riporta la testata 24 Sata, a un calciatore semiprofessionista croato è capitato proprio questo. Il match tra NK Jelengrad e Jasenovac è stato più volte interrotto per…invasione di campo, visto che un gruppo di galline non riusciva proprio a stare lontano dal manto verde. E quindi a un certo punto l’esasperato Ivan Gazdek ha deciso di risolvere la questione a modo suo, ma in maniera un po’ troppo cruenta.

CONDIZIONI NON IGIENICHE – Il calciatore della squadra di casa ha prima preso a calci uno degli sfortunati pennuti, uccidendolo, per poi prendere il corpo e lanciarlo fuori dal campo, oltre la recinzione. Evidentemente troppo per l’arbitro, che ha provveduto ad espellerlo. Un risultato inatteso per Gazdek, che ha spiegato le sue azioni. “Credetemi, non volevo certo farlo. Il risultato era in bilico ed io ero nervoso. Le galline entrano spesso in campo e ogni volta bisogna fermare la partita. Il terreno è pieno di escrementi, si gioca in condizioni non igieniche”. Un buon motivo per prendere a calci la gallina? L’intenzione, racconta il calciatore, non era proprio quella.

SCUSE E REGALO – “Sono corso verso di loro per spaventarle, ho calciato l’aria, ma per sbaglio ne ho presa una in pieno e l’ho uccisa”. E oltre al rosso, Gazdek si è anche beccato il rimprovero della padrona della gallina. Ma, come spiega lo stesso giocatore, ha chiesto scusa a modo suo. “Le ho fatto mandare una gallina nuova, con un biglietto di scuse”. Tutto è bene quel che finisce quasi bene, insomma. Anche se il problema delle invasioni delle galline non è destinato a finire. A meno che… “Potremmo giocare la sera, sotto i riflettori”, propone Gazdek. “Di notte le galline mica escono… E comunque amo gli animali. Ho due gatti, un cane e avevo anche un pappagallo che mi ha lasciato da poco”. Una ragione in più per pentirsi del proprio gesto…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy