Il ritorno di Sir Alex: toccante videomessaggio di Ferguson per celebrare la carriera di Scholes

Il ritorno di Sir Alex: toccante videomessaggio di Ferguson per celebrare la carriera di Scholes

Quanti calciatori possono vantarsi di avere ricevuto un toccante tributo da colui che è di certo tra i migliori allenatori di tutti i tempi? Pochi. Ma Paul Scholes è uno di questi.

di Redazione Il Posticipo

Quanti calciatori possono vantarsi di avere ricevuto un toccante tributo da colui che è di certo tra i migliori allenatori di tutti i tempi? Pochi. Ma Paul Scholes è uno di questi. E come riporta il Sun, durante un evento in suo onore a Old Trafford, è arrivato un video abbastanza inatteso. Sir Alex Ferguson, ovviamente, non è ancora in grado di passare molto tempo fuori da casa dopo l’emorragia cerebrale che lo ha colpito qualche mese fa e quindi si è perso la possibilità di congratularsi ancora una volta di persona con un calciatore che dai primi anni Novanta lo ha accompagnato nella creazione di un Manchester United da leggenda.

VIDEOMESSAGGIO – Ma non si è…Sir Alex per caso e quindi lo scozzese non poteva certo mancare. E neanche a dirlo, il volto di Ferguson è comparso sugli schermi della Manchester Suite, per unirsi al saluto dell’Associazione degli ex giocatori dello United al centrocampista inglese. Si tratta della seconda apparizioni in pubblico, seppure sempre attraverso un video, dell’ex tecnico dei Red Devils. E non poteva essere meglio accolta dai presenti, che hanno ascoltato in religioso silenzio ciò che l’allenatore con 13 Premier League e 2 Champions in bacheca aveva da dire su uno dei suoi….figli prediletti. Parole, chiaramente, di elogio e di amore, calcistico e personale.

CALCIATORE PERFETTO – “Quando è arrivato al Manchester United era un ragazzino di appena 13 anni, era alto sì e no un metro e cinquanta e avevamo dubbi sulla possibilità che potesse crescere ancora. Per fortuna l’ha fatto ed è diventato il calciatore che tutti conosciamo, più di 700 partite e 155 gol, una carriera fantastica. Senza gli infortuni avrebbe certamente raggiunto i record di Ryan Giggs e di Sir Bobby Charlton. Ma nonostante ciò, una carriera splendida. E i gol che segnava, davvero incredibili. Scholes era il calciatore perfetto. E non importa quanti grandi giocatori lo United abbia avuto in passato, Paul è lì seduto tra i grandissimi. Su questo non c’è dubbio”. E anche attraverso un video, quando parla Sir Alex, bisogna solo ascoltare e, in questo caso, applaudire. Lui e Scholes.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy