Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il ritorno di Blatter: “Il mondiale 2022 potrebbero organizzarlo gli Stati Uniti. La FIFA? Meriterei la presidenza onoraria…”

(Photo by Federico Gambarini/picture alliance via Getty Images)

Sepp Blatter ha ancora tanta voglia di dire la sua. E poco conta che sia inibito fino al 2021, mentre la FIFA, per tutto quello che ha fatto per il pallone mondiale nella sua carriera, dovrebbe...nominarlo presidente onorario. Lo svizzero torna a...

Redazione Il Posticipo

Squalificato, ma non sparito. Sepp Blatter, a 84 anni compiuti, ha ancora tanta voglia di dire la sua sul calcio. E poco conta che sia impossibilitato a fare qualsiasi cosa fino al 2021, quando termineranno i 6 anni di inibizione che gli sono stati comminati per non aver rispettato il codice etico della FIFA. Che anzi, per tutto quello che ha fatto per il pallone mondiale nella sua carriera, dovrebbe...nominarlo presidente onorario. Lo svizzero torna a parlare e lo fa attraverso la Bild, prendendo di petto la situazione Qatar 2022.

2022 - Le accuse di corruzione nell'assegnamento della prossima coppa del mondo possono portare a sviluppi inattesi, con il paese sul Golfo Persico che potrebbe vedersi portare via l'organizzazione dell'evento. Dunque, serve un piano B e Blatter, neanche a dirlo, ce l'ha. "Gli Stati Uniti potrebbero organizzarlo nel 2022 invece che nel 2026. Non è fantascienza, sono in grado di farlo. Anche il Giappone, che si era candidato per il mondiale 2022". Scartata invece l'Europa, anche perchè l'ultima edizione è stata in Russia e si altererebbe la classica alternanza tra continenti. "Anche la Germania potrebbe organizzarlo, ma significherebbe che la coppa del mondo sarebbe di nuovo disputata in Europa dopo l'edizione 2018. Quindi, non sarebbe la prima opzione".

FRECCIATE - Non possono mancare le frecciate alla "sua" FIFA. Intanto al nuovo presidente, Infantino, che potrebbe trovarsi tra le mani una bella gatta da pelare."Per fortuna il mondiale 2022 avrà solo 32 squadre e non 48 come aveva pianificato Infantino. Lo sforzo organizzativo non sarà maggiore di quello del 2018". E poi non può mancare la solita accusa: tutto quello che si sta facendo è parte di un piano per screditare Blatter. Che secondo lui è vittima della questione e...meriterebbe un riconoscimento. "Le inchieste sono parte di un complotto contro la mia persona. La miglior reazione della FIFA a tutto questo sarebbe nominarmi presidente onorario. Me lo meriterei". Complicato immaginare che a Zurigo possano essere d'accordo...