Il ritorno del Parma affascina anche gli USA: il NY Times al Tardini per la prima in A

Di solito nella lingua italiana si usa l’espressione “trovare l’America”. Ma stavolta la prospettiva cambia totalmente. E non è il Parma che scopre il nuovo continente, ma piuttosto sono gli Stati Uniti a (ri)scoprire il Parma.

di Redazione Il Posticipo

Di solito nella lingua italiana si usa l’espressione “trovare l’America”. Ma stavolta la prospettiva cambia totalmente. E non è il Parma che scopre il nuovo continente, ma piuttosto sono gli Stati Uniti a (ri)scoprire il Parma. Il ritorno in Serie A della provinciale che è diventata grandissima in patria e in Europa, per poi crollare sotto i colpi del fallimento, non interessa solo chi in Italia era ormai abituato a vedere campioni in maglia gialloblu rendere affascinante il nostro campionato. A rendere omaggio ai Crociati arrivano anche dall’estero e per la prima al Tardini contro l’Udinese la presenza della stampa è quella dei bei tempi andati.

TESTIMONIANZE – Al punto che persino una testata come il New York Times ha deciso di mandare in Emilia inviato e fotografo per testimoniare il ritorno del Parma tra le grandi del calcio tricolore. Il giornalista statunitense è addirittura arrivato con qualche giorno d’anticipo per un vero e proprio reportage, che lo ha portato ad incontrare il presidente dei Parma Club, ma anche semplici tifosi che hanno raccontato allo…straniero cosa è significato assistere prima alla gloria dei tempi dei Tanzi e poi al viaggio nell’inferno calcistico dopo il fallimento arrivato nel 2015. Il tutto condito da immagini della cittadina ducale e del museo del Tardini.

OGNI COSA AL SUO POSTO – E dopo una full immersion nello spirito che aleggia attorno al nuovo Parma, il giudizio che arriva (anzi…passa) dagli Stati Uniti è molto positivo. “C’è un senso d’ordine, tutto sembra di nuovo tornato al suo posto e pare che le cose, finalmente, siano di nuovo com’erano una volta. Ma per molti ciò che conta di più e ciò che è alla base della gioia ad essere cambiato“. L’articolo del NY Times sottolinea infatti la maggiore connessione del “nuovo” Parma con la città. Un senso di riconoscimento tra squadra e ambiente che caratterizzerà il ritorno dei gialloblù in Serie A. Come dimostrano i trofei, di nuovo al loro posto nel museo. “Li hanno comprati imprenditori locali quando tutto è andato all’asta. E li hanno restituiti al legittimo proprietario“. Proprio come il Parma ha fatto con la Serie A.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy