calcio

Il Real lancia l’assalto, un emissario in Brasile per parlare con il padre di Neymar

Perso un galactico, se ne compra un altro. E l'obiettivo di Perez, neanche a dirlo, resta Neymar. Un emissario dei Blancos avrebbe attraversato l'oceano per parlare con Neymar Senior. È pronto il remake della scorsa estate?

Redazione Il Posticipo

Perso un galactico, se ne compra un altro. Questa, volendo adattare un detto popolare, la filosofia di Florentino Perez. Che non ha molte lacrime da versare per l'addio di Cristiano Ronaldo e preferisce concentrarsi sul suo erede. Che, sorpresa sorpresa, el Presi vorrebbe fosse Neymar. Che ci fosse un'infatuazione per il brasiliano è cosa nota, ma il divorzio con il portoghese potrebbe avere impresso l'accelerata decisiva alla volontà di Perez di portare O'Ney al Bernabeu. Di conseguenza, secondo Globoesporte, qualcuno avrebbe fatto armi e bagagli per il Brasile, con l'obiettivo di farsi una chiacchierata. Il "fortunato" è Juni Calafat, capo del dipartimento di calcio internazionale alla Casa Blanca.

COME L'ANNO SCORSO - Non che per Calafat si tratti di un viaggio nuovo, anzi. Avendo già curato i trasferimenti di Vinicius e Rodrygo Goes, si parla dell'uomo di fiducia di Perez per quel che riguarda il Sudamerica. E ha un vero e proprio...mandato esplorativo, quello di intavolare una discussione con Neymar Senior, il potentissimo padre del numero 10 del PSG, che gestisce tutto ciò che ruota intorno al talentuoso figliolo. Chi di trama ferisce di trama perisce, perchè la mossa del Real Madrid ricalca esattamente quella fatta dai francesi la scorsa estate, quando prima di pagare la clausola monstre di 222 milioni al Barcellona, la dirigenza dei parigini aveva più volte incontrato il padre di O'Ney.

INTOPPO - Stavolta però c'è un problema in più. Il brasiliano non ha clausola (in Francia, a differenza della Spagna, non sono obbligatorie) e soprattutto ha nel presidente del PSG Al-Khelaifi un enorme estimatore. O’Ney è considerato il gioiello della corona e potrebbe non essere affatto semplice giungere a un accordo con una società a cui, problematiche con il FPF a parte, il denaro davvero non manca. A questo punto potrebbe diventare decisiva la volontà del calciatore, che potrebbe fare lui stesso pressioni per essere ceduto. Del resto, l'esperienza in Ligue 1 non si è rivelata un successone per Neymar. L'infortunio, arbitri troppo permissivi ed una scarsa competitività del campionato transalpino sono punti a sfavore del PSG. Che a questo punto, come suggerisce AS, potrebbe tentare la carta del rinnovo con aumento. Basterà per non vedere O’Ney lasciare la Francia dopo appena un anno?