Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

“Il Parco dei Principi non è in vendita”: il sindaco di Parigi contro il PSG, che può lasciare il suo stadio!

“Il Parco dei Principi non è in vendita”: il sindaco di Parigi contro il PSG, che può lasciare il suo stadio! - immagine 1
Il club parigino si sta scontrando con una realtà che solitamente non si ritrova tra le mani: per il comune della Ville Lumiere, i soldi non sono tutto. E quindi il Parco dei Principi non è in vendita.

Redazione Il Posticipo

Lo stadio di proprietà, come stanno dimostrando gli ultimi anni, è sempre una cosa importante. Avere un impianto di cui non si paga l'affitto e che si può monetizzare in altri modi è un asset fondamentale per tutti quanti i grandi club e non sorprende il fatto che chi può se ne costruisce uno o si compra quello in cui gioca di solito. Il che è effettivamente quello che sta provando a fare il Paris Saint-Germain. Ma come racconta MundoDeportivo, il club parigino si sta scontrando con una realtà che solitamente non si ritrova tra le mani: per il comune della Ville Lumiere, i soldi non sono tutto. E quindi "il Parco dei Principi non è in vendita".

Il no del sindaco

—  

Parola del sindaco, la signora Anne Hidalgo, in un'intervista rilasciata a LeParisien. Una decisione che frustra le ambizioni del PSG, le cui intenzioni sono quelle di acquistare l'impianto di "casa" (che però appunto, è proprietà del comune) e rimodernarlo, trasformandolo in uno stadio che possa competere con quelli più all'avanguardia, come la nuova casa del Tottenham o il Bernabeu, che sta terminando il suo restyling. E il punto, spiega la testata spagnola, è che se la posizione del comune non cambierà, il PSG potrebbe anche prendere una decisione abbastanza clamorosa: quella di lasciare il Parco dei Principi, per giocare altrove in attesa di trovare il modo di costruire un nuovo stadio o di rimodernarne un altro.

La posizione del PSG

—  

In dichiarazioni di un portavoce del club, si nota come il no del sindaco di Parigi stia creando parecchio malessere all'interno del PSG... "Tutti quanti ci perdono con questa posizione intransigente. Il PSG ha investito 85 milioni di euro ed è disposto a spenderne altri 500 milioni per l'ammodernamento del Parco dei Principi. Nonostante questo, la decisione del comune obbliga il club ad abbandonare quella che è la sua casa e farà ricadere sulle spalle dei contribuenti parigini un carico fiscale di diversi milioni di euro". Chissà se dopo la minaccia di lasciare lo stadio, il sindaco ci ripenserà. Ma al momento, anche tutti i soldi della proprietà qatariota non sembrano sortire troppo effetto...