Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Il mondo ai piedi di Pedri, il talento che il Barça ha strappato al Real…grazie a una tormenta di neve!

(Photo by David Ramos/Getty Images)

Pedri rinnova con il Barcellona fino al 2026, ma a far rumore è la clausola rescissoria che i blaugrana hanno messo nero su bianco sul contratto: un miliardo di euro. Una cifra che blinda un talento dalla storia molto particolare...

Redazione Il Posticipo

Finalmente arriva l'ufficialità ed è subito record. Pedri rinnova con il Barcellona fino al 2026, ma a far rumore è la clausola rescissoria che i blaugrana hanno messo nero su bianco sul contratto: un miliardo di euro. Una cifra impressionante per blindare il campione del futuro, ma anche già del presente. Un talento che il Barcellona ha strappato al Real con un certo anticipo, lasciandolo a maturare ancora un anno a Las Palmas e poi portandolo al Camp Nou, dove è stato spedito in campo praticamente subito ed è stato uno dei pochi a salvarsi in una stagione complicata. E chissà, tra qualche anno si racconterà la sua leggenda, che nasce... da una tormenta di neve.

REAL - Non che le precipitazioni nevose siano un classico in Spagna, ma, come racconta MundoDeportivo, proprio la nevicata del 2018 ha permesso al Barcellona di mettere sotto contratto il talento del Las Palmas. Pedri, già all'epoca considerato uno dei giovani di maggior prospettiva del calcio spagnolo e mondiale, è arrivato al Camp Nou per 5 milioni di euro. E dire che il Real si era mosso con largo anticipo sul trequartista classe 2002, ma non aveva fatto i conti con il meteo. Pedri era infatti stato invitato alla Ciudad Deportiva di Valdebebas per un provino nel febbraio di tre anni fa, visti gli ottimi rapporti ricevuti dagli osservatori.

INSERIMENTO - Peccato che in quel periodo la capitale spagnola sia stata interessata da una tanto inattesa quanto copiosa nevicata, che ha creato parecchi problemi al giovane calciatore. Che prima è stato costretto a rimanere due giorni in albergo, con tutta la città nel caos. E poi, quando è sceso in campo, ha accusato parecchio sia il clima rigido (soprattutto rispetto alle sue Canarie) che il campo della Ciudad Deportiva, rovinato dalla neve. Di conseguenza, il Real ha fatto sapere al calciatore che avrebbe organizzato un altro provino, per valutarne meglio le capacità. Ma al Bernabeu non avevano fatto i conti con i rivali di sempre. Il Barça ha approfittato della frenata nella trattativa e si è inserito, prenotando per la Masia un altro giovanissimo talento. E ora se lo gode Koeman. Tutto grazie...a qualche fiocco di neve di troppo.