Il miracolo del Galatasaray: un mercato pazzesco spendendo soltanto…10 milioni!

Il miracolo del Galatasaray: un mercato pazzesco spendendo soltanto…10 milioni!

Chi l’ha deciso che per fare un grandissimo mercato sia necessario spendere e spandere? Alla mancanza di fondi, per problemi economici o per rispettare il Fair Play Finanziario, si può anche sopperire con l’inventiva e con la capacità…di sfruttare i problemi altrui. Come hanno fatto i turchi…

di Redazione Il Posticipo

Chi l’ha deciso che per fare un grandissimo mercato sia necessario spendere e spandere? Alla mancanza di fondi, per problemi economici o per rispettare il Fair Play Finanziario, si può anche sopperire con l’inventiva e con la capacità…di sfruttare i problemi altrui. Già, perchè per tanti che devono comprare, c’è anche chi deve vendere e spesso, pur di disfarsi di un ingaggio oneroso o per evitare di perdere a pochi spicci un calciatore, si lasciano andare giocatori di livello con formule convenienti…per chi acquista. E così accade che il Galatasaray, non certo una squadra qualsiasi, faccia un mercato sontuoso…spendendo dieci milioni di euro.

10 MILIONI – La questione, come racconta Marca, è che i turchi non è che si siano risparmiati in quanto a calciatori acquistati. Ne sono infatti arrivati addirittura undici, ma solamente due sono costati qualcosa: il difensore Luyindama, acquistato dallo Standard Liegi per 5 milioni di euro, ed El Tigre Falcao, anche lui costato quella cifra, è stato accolto da un numero impressionante di tifosi all’aeroporto di Istanbul. E gli altri? Tutti quanti a zero, chi in prestito e chi svincolato. Ma, a differenza di quanto ci si possa immaginare, non si tratta certo di nomi di secondo piano. Anzi, senza spendere un euro il Gala si è aggiudicato un campione del mondo e un finalista (titolare) di Nations League.

TANTI ARRIVI – Tra i tanti volti nuovi ci sono infatti quello di Steven NZonzi, arrivato in prestito dalla Roma, e di Ryan Babel, che si è svincolato dal Fulham. Sempre dalla squadra inglese, ma stavolta in prestito, c’è anche Jean-Michel Seri, che nelle scorse estati è stato vicinissimo persino al Barcellona. E a proposito di Spagna, sempre in prestito torna a casa Emre Mor, acquistato dal Celta Vigo ma che nella Liga non ha certamente dimostrato le potenzialità che gli vengono riconosciute. Poi, ovviamente, qualche acquisto di contorno c’è stato, ma si può tranquillamente dire che, nonostante “la scure del Fair Play”, come l’ha definita Terim, i giallorossi abbiano fatto un grande mercato. Del resto, bisogna saper cogliere le occasioni. E come chiosa l’Imperatore, “quale allenatore non vorrebbe Falcao?”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy