Il Milan è diventato grande : 7 punti su 9 negli scontri diretti

Cambio di passo e di mentalità dei rossoneri.

di Redazione Il Posticipo

Il Milan è cambiato. La squadra è diventata grande e non si può parlare più di sorpresa. In un campionato così equilibrato, la differenza è negli scontri diretti. Da sempre tallone d’Achille dei rossoneri nelle ultime stagioni. I numeri di questa stagione testimoniano una inversione a U che potrebbe portare i rossoneri a raggiungere traguardi inimmaginabili a inizio stagione.

SCONTRI DIRETTI – Il Milan ha cambiato passo negli scontri diretti. Ed è diventato grande. Analizzando le sfide giocate contro le più accreditate rivali per lo scudetto il saldo è assolutamente in attivo. Due vittorie e un pareggio. I rossoneri hanno portato a casa il bottino pieno dalla trasferta di Napoli e nel derby contro l’Inter. E poi hanno pareggiato 3-3 con la Roma in una delle sfide più spettacolari del campionato. In totale, sette punti. Ben due in più di quelli ottenuti sommando tutti le sfide con le pari grado nella scorsa stagione quando furono solo cinque.

IBRAHIMOVIC – In questo contesto, pesa, eccome l’apporto di un Ibrahimovic strepitoso a dispetto della carta d’identità. Lo svedese è considerato come un messia dai compagni. Un rapporto quasi fideistico. I giovani sanno che in campo possono contare su di lui in qualsiasi situazione.  L’arrivo dello svedese ha cambiato il Milan in personalità, prestazioni e consapevolezza. Del resto Ibra, oltre ad essere un “martello” per i compagni, si è fatto sentire anche negli scontri diretti. Nel suo 2020 è stato grande contro le grandi. Il suo score parla da solo. Tre gol segnati all’Inter. Uno alla Juventus e uno alla Lazio. Due alla Roma. Infine la doppietta segnata al Napoli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy