Il metodo anti-infortuni della stellina dello United Angel Gomes: l’imposizione delle mani…di un “profeta” nigeriano

Quando la carriera di un calciatore è funestata costantemente dagli infortuni, è  più complicato riuscire a mantenere un certo equilibrio mentale. Ecco perchè a volte i metodi utilizzati per guarire dai guai fisici o addirittura per prevenirli possono essere anche…molto poco ortodossi.

di Redazione Il Posticipo

Quando la carriera di un calciatore è funestata costantemente dagli infortuni, è  più complicato riuscire a mantenere un certo equilibrio mentale. Vedere che a ogni sforzo il proprio corpo non reagisce come si vorrebbe porta a un senso di scoramento che è comune a chi è spesso vittima di piccoli e grandi stop. E c’è persino chi, come Coman, ha pensato addirittura al ritiro perchè non riusciva a sopportare l’idea di doversi un giorno farsi di nuovo male al ginocchio. Ecco perchè a volte i metodi utilizzati per guarire dagli infortuni o addirittura per prevenirli possono essere anche…molto poco ortodossi.

PROFETA – L’esempio più recente, come racconta il Daily Mail, arriva da un video di qualche anno fa che ha come protagonista Angel Gomes, una delle promesse del vivaio del Manchester United. Nella piccola clip, che è già virale sui social network, si vede il ragazzo, all’epoca sedicenne, alle prese con…una guarigione televisiva. Una di quelle scene che si vedono spesso in TV e nei film, in cui un predicatore, con l’imposizione delle mani o con l’acqua santa, cerca di risolvere i problemi dei fedeli. Il che è esattamente quello che fa il nigeriano T.B. Joshua, pastore alla Synagogue Church of All Nations a Lagos. Un “profeta” abbastanza controverso, che dichiara di poter guarire dall’HIV e dalla tubercolosi solo attraverso l’utilizzo dell’acqua santa.

SPIEGAZIONE – Ma perchè Gomes e la sua famiglia si sono rivolti al guaritore? Per i problemi alle caviglie che hanno afflitto il ragazzo sin da quando ha cominciato a sviluppare e che gli hanno fatto temere di dover lasciare il calcio anzitempo. E Gomes stesso ha detto la sua, ora che il video è spuntato fuori. “Vengo da una famiglia cristiana, all’epoca mia madre seguiva quel pastore e voleva che ci andassi. Da fuori sembra una pazzia, ma stavo solo vivendo la mia fede. Non credo di dover spiegare niente a nessuno, ma un sacco di gente mi ha chiesto di cosa si trattasse”. Alla fine, quattro anni e dieci partite con la prima squadra dello United dopo, si può dire che, profeta o no, le cose stiano andando abbastanza bene per il ragazzo…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy