calcio

Il mercato perde un po’ di…Pèpè: il campioncino del Lille non si muove

Il calciatore ivoriano non lascia, per il momento, la Francia. Una scelta che a conti fatti sembra essere la più conveniente per tutti...

Redazione Il Posticipo

Un mercato che perde un pizzico di...Pépé. Il giovane calciatore ivoriano non lascerà il Lille, e la fonte, ripresa da sport.es, è particolarmente autorevole. Pensieri e parole di Gerard Lopez, presidente della squadra francese che si sta giovando, e non poco, della verve offensiva del ragazzo che ha segnato 13 gol e regalato 7 assist in questa stagione.

MERCATO – Il talento del ragazzo, al netto di un campionato non eccelso da un punto di vista competitivo come quello francese, non è sfuggito ai top club. Barcellona, Bayern, Dortmund e mezza Premier League si sono affacciate alla finestra del Lille, forzando anche la mano in considerazione della situazione economica, non certo rosea, in cui versa il club. E forse è proprio questo motivo che avrebbe spinto il presidente a dire di no....

ASTA – Il ragionamento è molto semplice e segue la legge del mercato: più club attenzionano il ragazzo, più si alza il prezzo. In ogni caso il club francese è destinato a risanare le proprie casse entro la prossima estate, dunque perché non sfruttare l’occasione? Se l’interesse è direttamente proporzionale alla crescita del valore del calciatore è meglio che continui a stupire al Lille.

GABBIA? – Nessuna gabbia, dunque: tutto molto chiaro. Il calciatore non esce in inverno per non depauperare la squadra da un punto di vista tecnico ed economico. A fine stagione invece, tutti potranno ricavare di più. L’ivoriano, in termini di ingaggio. Il club, dal suo cartellino. Non a caso Lopez ha confermato che “Pèpè rimarrà sino al termine della stagione” dunque non oltre. Anche il calciatore è sereno: in una recente intervista rilasciata sull'Evening Standard ha dichiarato. “Lasciare il Lille alla fine della stagione? Non sappiamo cosa può accadere nel prossimo futuro di certo l’interesse di tante squadre fa piacere...”