Il Manchester United ha paura per le sue stelle: cancellato periodo di allenamento in Medio Oriente

Il Manchester United ha paura per le sue stelle: cancellato periodo di allenamento in Medio Oriente

Le tensioni internazionali tra Stati Uniti e Iran hanno infiammato la regione mediorentinale creando grande preoccupazione in tutto il mondo. Di fronte a tutto questo il Manchester United ha deciso di fare un passo indietro e cambiare i suoi programmi…

di Redazione Il Posticipo

All’inizio del nuovo anno l’area mediorentale è diventata bollente dopo l’attacco Usa nei confronti dell’Iran che ha portato alla morte del generale Qasem Soleimani e quindi alla replica iraniana con lanci missilistici. La tensione è cresciuta nei giorni successivi e alla fine ha spinto anche il Manchester United a fare un passo indietro. Secondo la stampa inglese, la società ha fatto un brusco dietrofront perché molto preoccupata per la salute delle sue stelle.

PERICOLO MEDIORIENTALE – I Red Devils hanno deciso di cancellare il “break” previsto in Medio Oriente all’inizio di febbraio. Stando a quanto riportato dal Sun, il club inglese è preoccupato per la sicurezza delle sue stelle e troverà quindi una base europea per allenarsi nelle due settimane di riposo che cominceranno il 2 febbraio. Ole Gunnar Solskjaer ha spiegato le scelte del club: “Voglio concedere qualche giorno di riposo alla mia squadra, ma resteremo in Europa. Ci sono cose che mi preoccupano più del calcio. Avevamo pensato al Medio Oriente, ma non accadrà sicuramente”. Una brutta notizia in vista del Mondiale 2022 in programma proprio in Qatar. Alla fine alcune nazionali potrebbero decidere di non prendervi parte qualora dovessero persistere questi problemi nella regione: gli Stati Uniti ad esempio hanno già rinunciato ad allenarsi ad Doha questo mese per non correre rischi.

VITAMINA D – Lo United pensava di stabilirsi nella capitale qatariota per approfittare del clima e di un centro di allenamento di altissimo livello, ma la nuova ondata di sentimento anti-occidentale scoppiata in Medio Oriente ha spinto il club a fare un passo indietro. Un portavoce della società inglese ha spiegato le ragioni del dietrofront: “Esiste una minaccia crescente di attacchi terroristici a livello globale contro il Regno Unito e i cittadini britannici da parte di gruppi o individui motivati ​​dal conflitto in Iraq e Siria. Bisogna essere vigile in questo momento”. I Red Devils cercheranno un’altra sede che offra un clima diverso da quello di Manchester. Solskjaer non vede l’ora di dare un “break” ai suoi ragazzi: “Questa pausa sarà importante per tutti. Prenderemo vitamina D e ci prepareremo per gli ultimi tre mesi”. Quelli in cui i Red Devils dovranno dare tutto per conquistare il quarto posto in Premer League.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy