Il Liverpool passa il turno, l’Aston Villa onora la FA CUP: “Uno sforzo monumentale”

Una sconfitte inevitabile. Una serata indimenticabile per i villans. In pieno stile FA Cup.

di Redazione Il Posticipo

Una sfida surreale, quella fra Liverpool e Aston Villa. I reds hanno avuto bisogno della ripresa per trovare la via della rete e prendere il largo verso una vittoria comoda, ma figlia soprattutto della sopraggiunta stanchezza dei padroni di casa, che hanno onorato come meglio non potevano la FA Cup, mettendo in campo una squadra formata dai ragazzi dell’Academy senza alcuna esperienza in prima squadra, figurarsi a certi livelli. Basti pensare alla situazione di Akos Onodi. Il ragazzo, 19 anni ha compiuto otto parate, un record per un portiere di una squadra di Premier League in una partita di FA Cup dal marzo del 2018. Una resistenza stoica.

EROICI – Il tecnico dell’Aston Villa, Mark Delaney, al termine del match, è andato ovviamente al di là del risultato. Le sue parole sono riportate dalla BBC. “Siamo tutti molto orgogliosi- È stato uno sforzo enorme considerando ciò che i giocatori hanno dovuto affrontare. Il gol dell’1-1 è stato meritatissimo. Sapevamo che alla lunga avremmo subito, ma siamo rimasti sempre uniti in campo e non abbiamo ceduto di schianto”. Serata indimenticabile, comunque, per tanti ragazzi. Come Barry, autore dell’unico gol. “Sappiamo che Louie Barry è uno ottimo calciatore. Lo osserviamo vediamo, ha mostrato una grandissima personalità”.

BARRY – Una serata che Louie Barry, 17 anni non dimenticherà facilmente. “Ho capito di aver segnato solo dopo averlo visto il pallone che andava in fondo alla rete. Sono orgoglioso, immagino la mia famiglia urlare alla TV. Ero felice, semplicemente contento di aver segnato. E spero di farne altri. Ci stiamo impegnando molto duramente, quando ho segnato ho festeggiato con tutto quello che avevo accumulato dentro, è stato molto bello anche perché è una marcatura che dà credito sia a noi che al club. Mi spiace solo aver chiuso con i crampi, ma credo mi debba abituare. Con l’età arriveranno anche fisicità e resistenza”.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy